Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Tenta di abusare della badante in casa del pensionato, arrestato

Alle 4 del mattino forza la finestra dell'abitazione, dove la sua ex presta servizio e una volta dentro tenta di abusare di lei. Ma la giovane riesce a contattare il carabinieri, che bloccano l'uomo subito dopo nelle vicinanze

La caserma dei carabinieri di Ugento.

 

GEMINI (Ugento) – Alle 4 del mattino forza la finestra dell’abitazione di un pensionato, dove presta servizio di assistenza la sua ex fidanzata, e si introduce in casa con lo scopo di abusare sessualmente della ragazza. Ma non riesce nell’intento e poco dopo viene arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Casarano con le accuse di tentata violenza sessuale, lesioni personali e percosse, nonché violazione di domicilio. Si tratta di Marian Todarov Marinov, 35 anni, di nazionalità bulgara ma residente a Monteroni, già noto alle forze dell’ordine.

Una volta dentro l’abitazione, non curante della presenza dell’anziano, avrebbe tentato di costringere la sua ex ad avere un rapporto sessuale, ma al no della ragazza avrebbe reagito con violenza, sempre per raggiungere il suo scopo. Tant’è che il pensionato, di fronte alla scena,  è intervento per cercare di difendere in qualche modo la badante. Durante le fasi concitate, la giovane è comunque riuscita a contattare la stazione locale del carabinieri e quindi a dare l’allarme.

MARINOV Marian Todorov-3Pochi minuti e sul posto è giunta una pattuglia dei carabinieri, i quali hanno bloccato l’uomo mentre era intento ad allontanarsi dall’abitazione. Il pensionato e la giovane badante, a causa della colluttazione, hanno riportato lievi ferite, motivo per cui sono stati accompagnati presso il pronto soccorso dell’ospedale di Casarano. Lì i medici hanno giudicato guaribili entrambi in pochi giorni. E per il bulgaro si sono aperte le porte del carcere di Lecce. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tenta di abusare della badante in casa del pensionato, arrestato

LeccePrima è in caricamento