rotate-mobile
Cronaca Leverano

Traffico internazionale di cocaina. Una 23enne domiciliata nel Salento tra i fermati

Anche una 23enne di nazionalità albanese, ma residente a Leverano, è stata arrestata all'alba, dai finanzieri del comando provinciale di Firenze. L'attività, denominata "Rambla blanca", ha scoperto un'organizzazione dedita al commercio di stupefacenti a livello internazionale

LEVERANO – Anche una ragazza di 23 anni di origini albanesi, ma con un domicilio di fatto a Leverano, è stata arrestata all’alba nell'ambito di un'operazione coordinata dai militari della guardia di finanza del comando provinciale di Firenze. La 23enne, infatti, è una dei  diciassette fermati durante l’operazione “Rambla blanca”,  per smantellare un’organizzazione dedita al traffico internazionale di cocaina e marijuana.

Dalle prime ore del mattino, i militari fiorentini hanno eseguito gli ordini di custodia cautelare nei confronti di diversi individui, tutti di origine albanesi nelle province di Roma, Arezzo, Reggio Emilia, Ragusa e Lecce. L’ordine di custodia cautelare in carcere è stato emesso dal gip Anna Donatella Liguori, su richiesta del sostituto procuratore Giulio Monferini della  Procura della Repubblica.

L’ipotesi di reato è  associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanza stupefacente.Le attività investigative sinora svolte hanno portato all’arresto in flagranza di reato di 25 persone ed al sequestro di complessivi trenta chilogrammi  di cocaina e oltre due tonnellate di marijuana.

La ragazza, Dacka Fiqirete, risiede in Albania con la famiglia, ma ha un domicilio di fatto nella "Città dei fiori". A Leverano era rientrata da due settimane. L'arresto è stato eseguito dai finanzieri della brigata di Porto Cesareo (dipendenti dalla compagnia di Lecce), che hanno coadiuvato i colleghi fiorentini nelle indagini, per quanto riguarda il territorio salentino. La giovane si trova al momento agli arresti domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico internazionale di cocaina. Una 23enne domiciliata nel Salento tra i fermati

LeccePrima è in caricamento