rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Nel quartiere Leuca

Cocaina, marijuana e un’agenda ricca di nomi e appunti sulla cerchia di “clienti”

In carcere un 43enne di Lecce con diversi precedenti per spaccio. Era ai domiciliari e i poliziotti delle volanti, durante un controllo, hanno trovato droga anche fra la biancheria e materiale di vario tipo

LECCE – Finisce di nuovo in arresto Enrico Gallucci, 43enne di Lecce, già nei guai in diverse altre circostanze, sempre con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, che si trovava ai domiciliari in un appartamento del quartiere Leuca, è stato pizzicato ieri dai poliziotti delle volanti, nel corso di un controllo di routine, visto che si trovava ai domiciliari. E in casa gli agenti hanno scovato ben 42,10 grammi di cocaina, più 4,80 di marijuana, materiale per il confezionamento delle dosi, soldi in contanti e diversi appunti, probabilmente riferibili alla “clientela”.

I poliziotti, dopo aver citofonato presso l’abitazione eletta a domicilio dall’uomo, hanno atteso un po’ prima che questi venisse ad aprire. Probabilmente è stato colto di sorpresa, magari ha cercato di temporeggiare. Di sicuro in casa non era nemmeno solo. C’erano, infatti, anche madre e nipote.

Fin lì, nulla di particole. I problemi sono sorti quanto gli agenti sono entrati in camera da letto dell’uomo. Aleggiava odore di marijuana, forse consumata da poco. E su un mobile accanto alla finestra, hanno notato un involucro di cellophane trasparente. Dentro c’era cocaina per circa 6 grammi. Accanto, un altro involucro trasparente, questa volta con marijuana per 4,80 grammi. In più, vario materiale per il confezionamento di singole dosi, tra cui un bilancino di precisione digitale e un’agenda con appunti riportanti nomi e nomignoli a cui erano riferite delle cifre di denaro, probabili promemoria dell’attività di spaccio, e una somma in contanti di 445 euro.

Un ulteriore involucro di cocaina, quello più grosso, per ben 36 grammi, è stato trovato nella biancheria intima di Gallucci. Tutto il materiale è stato sequestrato, tranne il denaro, restituito alla madre dell’uomo che, su disposizione del sostituto procuratore Maria Grazia Anastasia, è stato destinato alla casa circondariale di Borgo San Nicola, a Lecce. Il 43enne è in attesa di convalida. Davanti al giudice per le indagini preliminari, sarà difeso dall’avvocato Raffaele Benfatto.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina, marijuana e un’agenda ricca di nomi e appunti sulla cerchia di “clienti”

LeccePrima è in caricamento