Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Rudiae / Via Ada Cudazzo

Nell'inseguimento spunta Fiat rubata con il ladro dentro. In manette un 41enne

Durante l'attività di pattugliamento nel rione Aria Sana di Lecce, la polizia si è messa sulle tracce di un uomo dall'atteggiamento sospetto. Ma gli agenti si sono imbattuti in una 500, prelevata il giorno prima dalla zona. Il ladro era ancora sul posto ed è stato bloccato

Il carcere di Lecce

LECCE – L’autovettura, una Fiat 500 nuovo modello, è sparita due notti addietro dal rione Aria Sana di Lecce. Dalla mattinata di ieri, quando il titolare ne ha sporto denuncia, sono scattate le ricerche e il mezzo è stato rinvenuto. In una modalità totalmente inaspettata. Nelle prime ore dell’alba, infatti, gli agenti di una volante della polizia impegnata nella perlustrazione di quella zona, sono stati attirati dall’atteggiamento di un conducente alla guida di una Fiat Punto di colore grigio chiaro il quale, all’altezza di via Ada Cudazzo, ha aumentato la velocità alla vista delle forze dell’ordine.SANTESE Ciro-2

Il personale della questura si è messo sulle tracce dell’automobilista, inseguito per un lungo tratto. Ma quella fuga ha portato a risultati inattesi. Gli agenti hanno intravisto una Fiat 500 di colore scuro, ferma al centro strada, con lo sportello anteriore sinistro aperto verso la quale, l’autista del veicolo inseguito suonava il clacson. Dall’abitacolo della Fiat, è uscito un uomo che si è dileguato a piedi.

Grazie all’intervento di altri poliziotti, il fuggiasco è stato rintracciato e fermato in un terreno incolto che costeggia via Angelo Rizzo. Si tratta di Ciro santese, un 41enne nato a Brindisi e già noto alle forze dell’ordine. La Fiat 500 dalla quale era stato visto uscire Santese è risultata rubata. Il nottolino della portiera anteriore sinistra era stato infatti visibilmente forzato, e quello di accensione  asportato e sostituito con un grosso cacciavite, che sarebbe servito in un secondo momento per la messa in moto.

Da un’ulteriore verifica estesa all’interno del cofano, gli agenti hanno appurato che il malfattore aveva collegato un’altra centralina in sostituzione di quella originale. Su disposizione del pm di turno, Francesca Miglietta, l’uomo è stato accompagnato nel carcere di Lecce per il reato di tentato furto aggravato di autovettura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell'inseguimento spunta Fiat rubata con il ladro dentro. In manette un 41enne

LeccePrima è in caricamento