Sorpreso dal consigliere a forzare la porta del santuario: arrestato in flagranza

Un 36enne di Aradeo è stato fermato nella notte a Galatone, davanti alla nota chiesa intitolata al Santissimo Crocifisso della Pietà

Il santuario, a Galatone.

GALATONE – Sorpreso a forzare il portone d'entrata della Chiesa del Santissimo Crocifisso della Pietà, a Galatone: arrestato in flagranza di reato con l’accusa di tentato furto aggravato.

Antonio Catalano, un 36enne di Aradeo già noto alle forze dell’ordine, è stato infatti colto sul fatto nel cuore della notte, intorno alle 2 e mezzo, davanti all’ingresso del noto santuario di origini seicentesche. Ha sfondato il portone, con alcuni arnesi in pugno, per poi accedere nel luogo di culto.Senza titolo-41

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coincidenza ha però voluto che, proprio in quel momento, stesse passando in quel punto un consigliere comunale galatonese, Iacopo Inguscio e una pattuglia dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Gallipoli. L'esponente della giunta e i militari dell'Arma hanno notato la scena e fermato immediatamente l’uomo: il 36enne è finito in manette e, nel corso della mattinata di oggi, sarà ascoltato durante l’udienza di convalida in tribunale e giudicato per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento