Arriva ferito al pronto soccorso: "Coltellata a una coscia durante una lite"

Un senegalese 26enne ha raccontato di un'animata discussione nel cuore della notte con altri stranieri, che sostiene di non conoscere, fra piazza Sant'Oronzo e piazzetta Vittorio Emanuele II. Tutto però si basa sulla sua testimonianza. Indaga la polizia

LECCE – Sabato notte di tensione nella vie della "movida". O meglio, così si ritiene, sebbene tutto si basi su una dichiarazione di un ferito lieve. Quindi non c’è conferma per il momento che la vicenda si sia svolta esattamente come narrata, a partire dal luogo in cui tutto sarebbe avvenuto e per finire con la stessa dinamica dei fatti.

L’unica certezza è che, poco dopo le 2,30 di notte, F.Q., senegalese di 26 anni, s’è presentato al pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce con una ferita d’arma da taglio a una coscia. Non un taglio profondo, ma comunque netto e che ha richiesto tre punti di sutura, prima che il paziente potesse essere dimesso.

Il caso è stato segnalato alla questura. La polizia ha quindi avviato gli accertamenti. Secondo quanto dichiarato dal ferito, a notte fonda, fra piazzetta Vittorio Emanuele II (meglio nota come piazzetta Santa Chiara, dalla chiesa che domina il luogo) e piazza Sant’Oronzo, vi sarebbe stata una discussione animata con altri connazionali. Un gruppo di persone al momento di numero indefinito. La questione si sarebbe fatta piuttosto animata, al punto tale che qualcuno avrebbe estratto un coltello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non s’è ancora capito se il 26enne stesso sarebbe stato aggredito da qualcuno intenzionalmente, come parte in causa della lite, o se sia rimasto ferito in modo accidentale nel tentativo di sedare gli altri, frapponendosi fra i più esagitati. Il giovane, in ogni caso, avrebbe assicurato di non conoscere gli altri stranieri coinvolti nella vicenda. Sul posto le volanti di polizia non hanno trovato nessuno, ma ormai comunque trascorso diverso tempo dai fatti e si suppone che i più si siano allontanati in fretta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento