Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Asl di Brindisi: tre proiettili in busta per la manager leccese Ciannamea

La scoperta sabato mattina. Paola Ciannamea è direttore generale dell'Asl brindisina dal 2011. I proiettili, calibro 9, in un plico posato sui gradini della sede, trovato dagli addetti alle pulizie. Indagano i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile

BRINDISI – E’ mistero, a Brindisi, dove i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia locale stanno indagando sull’intimidazione ai danni di Paola Ciannamea, direttore generale dell’Asl locale, alla quale sono stati recapitati tre proiettili in una busta chiusa.

Sessantenne, leccese, laureta in Scienze politiche, Paola Ciannamea ha avuto in passato mansioni amministrative anche nella sua città natale e a Taranto. E’ manager dell’Asl brindisina dal 2011. I proiettili, calibro 9, sono stati trovati nella mattinata di sabato dagli addetti alle pulizie. La sede amministrativa, che sorge in via Napoli, era chiusa. La busta si trovava poggiata sui gradini, davanti all’ingresso. Sopra, un’unica indicazione: “Per Paola Ciannamea”. Gli operatori hanno subito chiamato il 112. La busta è stata presa in consegna da una pattuglia della stazione Casale.

Sono già state ascoltate a sommarie informazioni, nelle scorse ore, le persone presenti a quell’ora, e si presume che la busta sia stata posata nella notte o, al limite, poco prima dell’alba. La speranza degli investigatori dell’Arma è che alcune videocamere di sorveglianza della zona possano aver immortalato movimenti sospetti. In queste ore, intanto, diversi sono stati gli attestati di solidarietà nei confronti della manager leccese, da parte i esponenti della comunità, non ultimo il sindaco Mimmo Consales. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asl di Brindisi: tre proiettili in busta per la manager leccese Ciannamea

LeccePrima è in caricamento