Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Assalti agli esercizi commerciali, uno dei tre rapinatori patteggia la pena

Si è chiusa con un patteggiamento a 2 anni e sei mesi di reclusione la vicenda giudiziaria di Mattia Colazzo, uno dei tre giovani neretini arrestati con l'accusa di aver messo a segno, tra il 22 febbraio e il 4 marzo, quattro rapine ai danni di altrettante attività commerciali

LECCE – Si è chiusa con un patteggiamento a 2 anni e sei mesi di reclusione la vicenda giudiziaria di Mattia Colazzo, uno dei tre giovani neretini arrestati con l’accusa di aver messo a segno, tra il 22 febbraio e il 4 marzo, quattro rapine ai danni di altrettante attività commerciali. In particolare il 22 febbraio, il market “Sigma” di viale Aldo Moro; due giorni dopo, tabaccheria “Segnali di fumo”; primo marzo, discount “Md” di via Galatone ; 4 marzo, farmacia “Benegiamo-Pagliula”. Tre incensurati che fino ad ora non aveva mai avuto alcun problema con la giustizia e che al gip avevano spiegato di aver agito perché in difficoltà economica. A Colazzo, assistito dagli avvocati Giuseppe e Michele Bonsegna, veniva contestato un solo episodio. Respinta, invece, la richiesta di patteggiamento per Jacopo Perrone e Luca Pranzo.

Nell’interrogatorio di garanzia i tre hanno ammesso di aver partecipato, a seconda dei casi, ai vari colpi. Le modalità d’esecuzione hanno subito lasciato intuire che dietro vi fossero sempre le stesse mani. In tutti e quattro gli episodi, infatti, le rapine sono state consumate da due soggetti travisati e di media statura, di cui uno armato di pistola e l’altro munito di un sacchetto utilizzato per riporre il denaro sottratto dalle casse. Gli investigatori di carabinieri e polizia, in particolare, hanno constatato, che in occasione di ognuna delle rapine, il soggetto armato aveva immobilizzato la vittima puntandole costantemente la pistola al collo e consentendo così al complice di portare via i soldi.

In tre dei quattro assalti, è stata documentata la fuga a bordo di uno scooter parcheggiato nelle strade adiacenti. In un altro, l’uso di un’auto. E i tre si sarebbero avvicendati nei vari colpi. Le loro responsabilità hanno trovato riscontro oggettivo dopo perquisizioni che hanno permesso di ritrovare e sequestrare capi d’abbigliamento, caschi e motocicli. Gli stessi utilizzati in occasione delle rapine. Le corrispondenze sono emerse sia dagli ascolti delle vittime e delle persone che avevano assistito alle fasi di consumazione, sia dalla visione delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza degli esercizi commerciali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalti agli esercizi commerciali, uno dei tre rapinatori patteggia la pena

LeccePrima è in caricamento