menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalti agli istituti di credito ed esercizi commerciali, condannati in cinque

La banda, composta da cinque brindisini, avrebbe agito anche nel Leccese, utilizzando un'audi A6. Quattro gli episodi contestati

LECCE – Sono cinque le condanne emesse in abbreviato dal gup del Tribunale di Brindisi, Tea Verderosa, nei confronti di una banda specializzata negli assalti ai bancomat degli istituti di credito, spaccate e furti a danno degli uffici postali e altri esercizi commerciali (tra cui gioiellerie e stazioni di servizio). I cinque, tutti brindisini, avrebbero agito anche nel leccese. In particolare, l’accusa contesta il tentato furto ai danni della banca Unicredit di Castrignano de’ Greci commesso il 9 luglio 2016; il tentato furto ai danni dell’ufficio postale di Scorrano nel commesso tra il 29 ed il 31 luglio 2016; il tentato furto ai danni della Unicredit di Calimera del 14 settembre 2016; il furto ai danni della gioielleria “Preziosi d’Arte” di Guagnano il 19 settembre 2016. Per gli assalti il gruppo utilizzava un'Audi A6, con rinforzi laterali e interni uguali a quelli usati nel periodo del contrabbando di sigarette.

La pena più alta, 9 anni e otto mesi, è stata inflitta a Cosimo Iurlaro, 41enne, ritenuto il promotore dell’associazione per delinquere. Ruolo di promotore anche per Giovanni Moro, 45 anni, condannato a 8 anni. Per Vincenzo Schiena, 38enne, a 4 anni e otto mesi di reclusione; 7 anni e due mesi per Omar Bianco; 4 anni e mezzo per Marco Santoro, 25, quattro anni e sei mesi di reclusione. Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Ladislao Massari, Daniela d'Amuri e Pasquale Annicchiarico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento