menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalto ai tifosi del Pescara: ci sono 17 indagati. Chiesta verifica su materiale

Prende corpo l’inchiesta sull’aggressione del 31marzo dello scorso anno sulla superstrada che causò danneggiamenti e quattro feriti tra i tifosi abruzzesi. Richiesta di incidente probatorio per comparare i profili biologici degli ultrà indagati

LECCE - Prende corpo l’inchiesta della procura di Lecce sull’assalto del 31 marzo dello scorso anno ai danni dei tifosi del Pescara avvenuto lungo la superstrada che da Brindisi conduce a Lecce (all’altezza dello svincolo Torchiarolo-San Pietro Vernotico) e che vide coinvolti diverse decine di ultrà giallorossi e che portò al ferimento di almeno quattro giovani abruzzesi e dell’autista del pullman e il danneggiamento dei mezzi, uno dei quali fu anche incendiato. Ci sono i primi 17 indagati.

E a breve si procederà anche alla fissazione dell’incidente probatorio, richiesto al gip dal sostituto procuratore e titolare dell’inchiesta Alessandro Prontera, per l’individuazione de profili genetici (ovvero profili di Dna) sul materiale sequestrato dalla polizia sul luogo dell’aggressione, (passamontagna, un casco, tubi metallici, mazze di ferro e legno, bottiglie di vetro vuote, guanti e artifizi pirotecnici), da comparare con i profili genetici estratti dai campioni biologici prelevati dai soggetti finiti sul registro degli indagati e che dovranno ora difendersi dalle future accuse che verranno loro contestate.              

I fatti si consumarono poco dopo le 20 della sera del 31 marzo del 2019, a pochi minuti dall’inizio della gara di campionato tra Lecce e Pescara, quando la carovana di circa 150 tifosi pescaresi a bordo di un pullman, minivan e auto private, a poco meno di una ventina di chilometri dall’arrivo nel capoluogo salentino per raggiungere lo stadio, subì una vera e propria aggressione da parte di presunti tifosi giallorossi (tra da 50 a 70 i partecipanti secondo la stima riportata nel corso delle indagini della Digos e delle questure di Lecce e Pescara) travisati e incappucciati, che sbucati dalle siepi ed eludendo i controlli delle pattuglie della polizia, invasero la carreggiata iniziando un fitto lancio di pietre, fumogeni e bombe carta all’indirizzo del convoglio.

Per quell’aggressione poco giorni dopo vennero emessi i primi Daspo da parte della questura e nel contempo la procura ha avvito l’inchiesta pere risalire ai responsabili. I nomi dei primi 17 indagati sono emersi a seguito della notifica della richiesta del pm, Alessandro Prontera, della richiesta di fissazione dell’incidente probatorio per verificare la corrispondenza delle impronte digitali e profili del Dna presenti sul materiale sequestrato con quelli sei soggetti indagati.  

A difendersi dall’accusa di danneggiamento a seguito da incendio e lesioni personali aggravate secondo quanto riportato dalla richiesta di incidente probatorio del 5 agosto scorso sono: Francesco Capone, 27 anni, di Lecce; Andrea Cappilli, 26 anni, di Lecce; Riccardo Cotantini, 35 anni, di Martano; Alex Costanzo, 39 anni, di Lecce; Jonathan Danisi, 28 anni, di San Cesario; Fabrizio D'Autilia, 28 anni, di Cursi; Gabriele De Masi, 25 anni, di Lecce; Simone Fina, 27 anni, di Melendugno; Ersilio Gallo, 46 anni, di Melendugno; Diego Greco, 39 anni, di Lecce; Nicolò Greco, 21 anni, di Lecce; Francesco Maciullo, 34 anni, di Lecce; Mirko Quarta, 41 anni, di Lecce; Fabrizio Rizzo, 40 anni, di Lecce; Gianmarco Rizzo, 25 anni, di Lecce; Alessandro Vita, 29 anni, di Racale e Giampaolo Vergallo, 43 anni, di Surbo.

Il collegio difensivo è costituito invece dagli avvocati Benedetto Scippa, Francesco Calabro, Giuseppe Milli, Giuseppe De Luca, Antonio Savoia, Enrico Cimmino, Franco De Jaco, Carlo Viva, Giacinto Epifani, Pietro Ripa, Fabio Vincenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento