Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Via Montenegro, 181

Trainano per un chilometro postamat. Lo “ripuliscono” e abbandonano anche furgone rubato

I ladri hanno colpito lo sportello automatico di Merine. Lo hanno legato a un mezzo, forse dopo aver disattivato l'allarme

L'ufficio derubato dai malviventi

MERINE – Trascinano lo sportello automatico per almeno un chilometro e poi lo abbandonano. Dopo averlo “ripulito” da svariate migliaia di euro. Ennesimo assalto a un deposito, nella notte, ai danni dell’ufficio postale di Merine. Una banda di malviventi ha, infatti, raggiunto la filiale di via Montenegro, a bordo di un furgoncino rubato: si tratta di Fiat Doblò prelevato soltanto alcune ore prima da una via della frazione di Lizzanello.

I ladri hanno dapprima demolito il cancello di un giardino antistante l’ufficio. Poi, con un sistema di funi, hanno letteralmente sradicato la cassa automatica, nella quale i dipendenti delle poste avevano caricato il denaro in vista delle operazioni del week-end: si parla di una cifra che si aggira attonro ai 40mila euro. Sono fuggiti lungo la periferia del piccolo paese in direzione della strada che conduce a Lecce, nei pressi del residence “I Giardini di Atena”.

E’ in quel punto che il postamat è stato aperto, svuotato e poi abbandonato. Il contenuto, invece, è stato caricato a bordo di un altro mezzo e quello rubato è stato lasciato sul posto. Scoperto l’accaduto, sul posto sono stati fatti intervenire i carabinieri della stazione di Lizzanello, assieme ai colleghi della scientifica e della compagnia di Lecce.

 I militari dell’Arma sono alla ricerca dei filmati del sistema di videosorveglianza installati lungo il tragitto percorso dalla banda. Il sistema di allarme dell’ufficio postale non si è attivato: gli inquirenti stanno tentando di stabilire se sia trattato di un guasto o se, come è plausibile pensare,  siano stati gli stesi malviventi a disattivarlo manomettendo i sensori perimetrali. Tre settimane addietro, un episodio simile: con la fiamma ossidrica, i malviventi hanno effettuato un maxi "prelevievo" dalla filiale delle poste di Tuglie: sono riusciti a rimediare un bottino di circa 70mila euro. Un colpo messo a segno a una settimana di distanza da un altro, ai danni delle poste di Santa Maria al Bagno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trainano per un chilometro postamat. Lo “ripuliscono” e abbandonano anche furgone rubato

LeccePrima è in caricamento