Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Via Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa

Attentato dinamitardo nella notte. Preso di mira un imprenditore

Misterioso attentato intorno alle 4. Si sarebbe trattato di una bomba rudimentale di medio potenziale fatta esplodere da ignoti proprio all'ingresso della villetta che sorge sulla strada per Noha, dove risiede l'imprenditore con la famiglia

Il luogo dell'attentato

GALATINA – Misterioso attentato dinamitardo nella notte ai danni dell’abitazione di un imprenditore edile di Galatina.  Si sarebbe trattato di una bomba rudimentale di medio potenziale fatta esplodere da ignoti, intorno alle 4, proprio all’ingresso di una villetta che sorge sulla strada in direzione di Noha, su via Generale Dalla Chiesa, dove l’imprenditore, Antonio Greco, 44 anni, risiede con la sua famiglia e dove ha sede la sua impresa. Al momento della deflagrazione tutti dormivano in casa. 

L'ordigno è stato collocato dinanzi all'ingreso degli uffici dell'azienda del geometra 44enne. Violenta l’esplosione, che ha svegliato tutti di soprassalto e che ha procurato danni alle strutture prospicienti al luogo in cui era stata collocata la bomba. E lo spostamento d’aria causato dalla deflagrazione, ha coinvolto perfino un paio di auto lasciate parcheggiate dai residenti della zona lungo il lato della strada. Ingenti, in particolare, i danni alla Renault Scenic di proprietà dell'imprenditore.

Sul luogo sono giunti immediatamente i vigili del fuoco, i quali hanno verificato la stabilità delle strutture portanti della villetta. Danni, ovviamente ce ne sono stati, ma pare che le lesioni non abbiamo compromesso la sicurezza dell’edificio. Le indagini per risalire agli autori dell’attentato sono condotte dal commissariato di polizia di Galatina. Gli investigatori hanno già ascoltato l’imprenditore, il quale avrebbe detto non di non avere mai ricevuto telefonate intimidatorie e richieste estorsive. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato dinamitardo nella notte. Preso di mira un imprenditore

LeccePrima è in caricamento