Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Bagnino in difficoltà al largo e così lo devono salvare

Di solito è lui a salvare gli altri, ma questa volta un uomo che presta servizio presso uno stabilimento di Spiaggiabella, sorpreso dal vento, è stato costretto a farsi trainare dalla guardia costiera

LECCE - Chi l'avrebbe mai detto? Il bagnino, figura che di solito solca le onde andando a strappare dalle correnti più impetuose i bagnanti in difficoltà, costretto a sua volta ad essere soccorso. Il mare se lo stava portando via, al largo, e così per lui si è mobilitata la guardia costiera. E' accaduto ieri, nei dintorni di Spiaggiabella, una delle marine di Lecce.

La capitaneria di porto s'è messa in allerta quando presso la centrale operativa è giunta la segnalazione di una donna. La bagnante, che telefonava da uno stabilimento balneare, ha riferito di aver avvistato a circa 600 metri dalla costa un pattino di salvataggio, con una persona a bordo. E a tutta vista, in evidente stato di difficoltà. Un paradosso, volendo. Ma tant'è.


La capitaneria di porto di Otranto ha smistato la chiamata d'intervento presso il distaccamento di San Cataldo, e da qui è partito un gommone, seguito da una motovedetta. I mezzi si sono messi subito in ricerca dell'uomo, affrontando condizioni meteo marine non certo favorevoli. Ieri, infatti, in zona si è avuto un repentino cambio di vento ed ha iniziato a spirare un forte scirocco che ha sospinto il mezzo di salvataggio al largo, senza che il bagnino fosse in grado di rientrare con le proprie forze. Avvistato e recuperato, l'uomo, alla fine, è stato trainato con tutto il pattino a riva, presso lo stabilimento balneare presso il quale presta servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagnino in difficoltà al largo e così lo devono salvare

LeccePrima è in caricamento