Cane azzanna bimbo di 3 anni: sottoposto a intervento. Secondo fatto in poche ore

L’episodio durante il pranzo di Pasqua, all’interno di un’abitazione di San Cesario di Lecce. Il piccolo, di origini slovacche, ferito al volto. È fortunatamente fuori pericolo

Foto di repertorio.

SAN CESARIO DI LECCE – Il pranzo di Pasqua si trasforma in incubo: un bimbo di quasi quattro anni azzannato dal cane dello zio. A neppure 24 ore dalla tragedia che si è verificata nel Capo di Leuca nella serata di ieri, dove un bambino di otto mesi ha perso la vita a seguito dell’aggressione di un cane Corso, altro grave fatto di cronaca simile nel Salento. È accaduto in un’abitazione di San Cesario di Lecce dove i parenti erano intenti a consumare il pranzo della festa. Il piccolo, di origini slovacche, è stato morso da un cane meticcio per circostanze ancora ignote. Forse durante un momento di gioco.

Soccorso immediatamente dai famigliari e poi raggiunto anche dagli operatori del 118, è stato trasportato d’urgenza nell’ospedale “Vito Fazzi” del capoluogo salentino. Affidato alle cure dei medici, il bimbo è stato sottposto alle prime cure e poi a un intervento chirurgico d’urgenza per una lesione all’altezza dell’arcata sopraccigliare. Al termine della delicata operazione al volto, è stato ricoverato e sarà tenuto sotto osservazione. Non è in pericolo di vita, ma il personale medico vorrà accertarsi della stabilità delle sue condizioni cliniche nel corso delle ore, vista la tenera età.

Sul luogo dell’accaduto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale, assieme ai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia leccese. Il cane è risultato legalmente denunciato e dotato di regolare certificato veterinario. I dipendenti degli uffici Asl del capoluogo salentino sono intervenuti per porre l’animale in isolamento. Ulteriori accertamenti sono tuttora in corso per verificare eventuali responsabilità o mancanze. Un fatto preoccupante, ma con epilogo decisamente più felice dell’episodio avvenuto poche ore prima. La comunità di Tricase è infatti ancora sotto shock per il dolore lacerante vissuto, in questi momenti, da una famiglia del luogo, privata dalla presenza di Cristian, di soli otto mesi, azzannato dall’amico a quattro zampe, davanti alla madre e alla nonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento