Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Casarano

Bambino sgozzato dal padre: la mamma dai carabinieri

E' stata sentita dai militari della compagnia di Casarano, Angelica Bolognese, la 23enne leccese mamma del bambino che il 1° luglio scorso è stato ucciso dal papà, Gianpiero Mele, a Torre San Giovanni

Carabinieri sul luogo del delitto.

CASARANO - Angelica Bolognese è stata sentita dai carabinieri di Casarano. Questa mattina la ragazza si è presentata presso la caserma per un colloquio informale con gli inquirenti, a venti giorni di distanza dalla tragedia che ha segnato in maniera indelebile la sua vita. Ha risposto a tutte le domande che le hanno rivolto gli uomini dell'Arma, ai quali ha confidato i suoi tormenti. Ha parlato del suo bambino, del piccolo Stefano, sgozzato a soli due anni dal papà Gianpiero Mele. E' riuscita a parlare solo ora, dopo aver trascorso alcuni giorni ricoverata nell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce.

Sempre questa mattina è stato eseguito un sopralluogo da parte degli inquirenti nell'abitazione di Torre San Giovanni di proprietà dei genitori di Mele. E' lì che il 25enne si è macchiato di quel terribile abominio. Gli investigatori hanno prelevato i campioni di sangue, per escludere l'eventuale presenza di una terza persona sul luogo del delitto. Intanto il papà assassino ha di recente ottenuto gli arresti domiciliari presso il reparto di psichiatria dell'ospedale di Campi Salentina. Giovedì verrà effettuato l'incidente probatorio durante il quale Mele dovrà rendere conto della sua follia omicida davanti al gip Nicola Lariccia ed al pubblico ministero Guglielmo Cataldi. Quello stesso giorno verrà anche conferito l'incarico al professor Antonello Bellomo e Domenico Suma di effettuare una perizia che possa appurare la capacità di intendere e di volere di Mele al momento del fatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino sgozzato dal padre: la mamma dai carabinieri

LeccePrima è in caricamento