Cronaca Galatina

Bancarotta, Fantasy Bet: "Non siamo noi gli indagati"

In merito alla notizia apparsa il 18 gennaio scorso su un presunto caso di bancarotta fraudolenta a Galatina, la ditta sottolinea di non essere quella coinvolta nella vicenda che vede due indagati

foto_inchiesta-4

GALATINA - In merito alla notizia apparsa il 18 gennaio scorso su un presunto caso di bancarotta fraudolenta a Galatina, la ditta locale "Fantasy Bet" di Antonio Vizzi e Massimiliano e Alberto Marra, intende doverosamente sottolineare di non essere coinvolta in alcun modo nella vicenda. Esistono sul territorio un paio di imprese che operano nello stesso settore, il noleggio di apparecchi di intrattenimento, e la "Fantasy Bet" specifica di essere sul mercato locale da molti anni.

Nel caso in questione, invece, si parla di un'altra società, per la quale vi sono due indagati e sono in corso ulteriori accertamenti (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=25096). Dopo un precedente fallimento, infatti, sarebbe stata creata una nuova azienda, con un altro amministratore, sebbene quest'ultima attività sarebbe riconducibile sempre alla stessa persona. Al vaglio anche la posizione del curatore fallimentare.


La vicenda, nello specifico, vedrebbe il passaggio dall'azienda fallita a quella neo-costituita di un migliaio di apparecchi; questo, secondo la guardia di finanza, allo scopo di far apparire ai creditori che la società dichiarata fallita non avesse nulla per rifondere i creditori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarotta, Fantasy Bet: "Non siamo noi gli indagati"

LeccePrima è in caricamento