Cronaca Squinzano

Supermercati, bancarotta fraudolenta. Nei guai i tre amministratori

Due 40enni, assieme ad un uomo di 50 anni, sono stati denunciati dai finanzieri di Lecce. Amministratori di una catena operante nel settore dei supermercati, i tre dovranno rispondere di bancarotta fraudolenta e documentale

Foto di repertorio

SQUINZANO - Le irregolarità contenute nei registri contabili, per impedire la ricostruzione del proprio volume d'affari, sarebbe  soltanto una minima parte del reato che è stato loro contestato. Non è stato, infatti, sufficiente, occultare la consistenza del patrimonio, per incappare nei controlli degli uomini della Guardia di finanza.

In tre sono finiti nei guai, con l'accusa di bancarotta fraudolenta e documentale. Due 40enni e un uomo di 50 anni, nelle vesti di amministratori di una catena operante nella gestione dei supermercati. Dopo una serie di indagini finanziarie, finalizzate a chiarire le cause che hanno provocato il dissesto dell'azienda, poi dichiarata fallita nel 2009, i finanzieri  hanno denunciato i tre persone alla Procura della Repubblica di Lecce. Le distrazioni dei beni ammonterebbero a un totale di quasi 300 mila euro. Il valore dei beni strumentali e dell’attivo circolante sottratto  -  tra i quali lo stesso magazzino, le merci, le disponibilità liquide, i crediti e le attività finanziarie -  è stato invece stimato,  rispettivamente, a 17 mila e 170 mila euro, quello relativo alla vendita di un ramo d’azienda, invece, è di circa 80 mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supermercati, bancarotta fraudolenta. Nei guai i tre amministratori

LeccePrima è in caricamento