menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente listino prezzi nelle vetrine, sanzioni salate a bar e parrucchiere

Il titolare di un bar a Lecce e un parrucchiere di Surbo "dimenticano" di esporre i prezzi nelle vetrine delle loro attività, come appurato dalla guardia di finanza. Ora rischiano sanzioni da 500 euro a 3mila euro

 

LECCE – Non ce n’è per nessuno, sarà l’effetto del Governo Monti, delle severe direttive contro l’evasione fiscale e sul rispetto delle regole nel settore del commercio. E così, chi sbaglia paga. E salato. Lo Stato fa casa e i commercianti, già falciati dalla crisi, devono fare i conti anche con quelle regole sulle quali solo fino a qualche mese si chiudeva quasi un occhio.  

E allora, se il titolare di un bar a Lecce, o un parrucchiere di Surbo “dimenticano” di esporre il listino prezzi nelle vetrine delle loro attività, come appurato dai militari della guardia di finanza, ecco che i responsabili vengono immediatamente multati. Le violazioni riscontrate sono state rilevate in virtù delle norme che prevedono la sanzione amministrativa da 500 euro a 3mila euro e la possibilità di estinguere il procedimento sanzionatorio versando, entro il termine di 60 giorni, la somma di mille euro. Magra consolazione.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento