Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Squinzano

Beni per 500mila euro, ma dichiarava pochi spiccioli

Sequestrati dalle fiamme gialle ad un noto pregiudicato di Squinzano ville, terreni, auto e anche una casa di riposo. Tutto il patrimonio era intestato ai familiari, ma di fatto faceva capo a lui

Il comando provinciale della guardia di finanza

Ha accumulato nel tempo un ingente patrimonio, in modo assolutamente illecito, secondo gli investigatori, per poi intestarlo in maniera fittizia ai propri familiari. S.N., 47enne di Squinzano, una condanna per associazione mafiosa e indicato dai collaboratori di giustizia come autore di prestiti ad usura e di rapine, è finito sotto il mirino della guardia di finanza che, su richiesta della direzione distrettuale antimafia, ha sequestrato beni per un valore complessivo di oltre 500mila euro. E' infatti sufficiente l'indizio cautelativo per provvedere alla confisca di un patrimonio che, in questo caso, è rappresentato da ville, terreni, autovetture e persino una casa di riposo del Nord Salento.


La parte più cospicua dei possedimenti del 47enne e dei suoi parenti è rappresentata da un'immensa villa nei pressi di Squinzano protetta persino da un sistema a circuito chiuso di video-sorveglianza. Si tratta di un immobile che da solo rappresenta oltre la metà del valore dei beni confiscati e che si aggiunge ad una villetta in campagna, sempre nei pressi di Squinzano, circondata da altri terreni di proprietà dell'uomo, da due vetture utilitarie e persino da quella casa di riposo per anziani, attività che la famiglia di S.N. ha rilevato di recente per circa 90mila euro e che conta anche diversi dipendenti. E secondo quanto rilevato dalle "fiamme gialle", nonostante l'ingente patrimonio, l'uomo e la sua famiglia dichiaravano al fisco poche migliaia di euro all'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beni per 500mila euro, ma dichiarava pochi spiccioli

LeccePrima è in caricamento