Bicicletta elettrica, nessun errore della polizia locale: le multe erano sacrosante

Un conducente s'è rivolto al giudice di pace, che però gli ha dato torto. Dal 2017 omologazione e immatricolazione d'obbligo

LECCE – Che sia una bicicletta elettrica è evidente. Sulla parte frontale la dicitura è riportata per ben due volte, e a caratteri cubitali. E per questo tipo di veicoli, il Regolamento europeo numero 2013/168, entrato in vigore il 1° gennaio 2017, rende obbligatorie omologazione e immatricolazione. Di fatto, sono assimilabili alla categoria dei ciclomotori.

Ciononostante, il conducente di uno di questi mezzi si è rivolto al giudice di pace, sostenendo che due verbali elevati il 21 ottobre del 2017 dovessero essere annullati, trattandosi, a suo dire, di una “bicicletta a pedalata assistita”. Ma con la sentenza numero 308/19 del 18 gennaio scorso, il giudice ha respinto il ricorso. Dando piena ragione alla polizia locale.

photo_2019-02-04_15-54-45-2Due agenti del comando di viale Rossini avevano contestato la violazione degli articoli 193 e 97 del codice della strada, perché l’uomo era stato trovato alla guida di un “velocipede a motore elettrico” sprovvisto di copertura assicurativa e di carta di circolazione. E il giudice ha valutato una scheda di descrizione tecnica e i rilievi fotografici, confermando i verbali.

In fin dei conti, al di là delle scritte che già dichiarano apertamente il tipo di veicolo, vi sono in questo caso elementi come un potenziometro acceleratore a leva, un limitatore di potenza e un motore autonomo e non ausiliario (tipico, quest’ultimo, delle biciclette a pedalata assistita), che ne consente la circolazione senza dare una sola spinta con i propri muscoli. Insomma, nessuna assistenza al pedalatore. Quel motore cammina da sé.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Che sola!

  • Un’altra regola assurda della UE che porta denari solo alle Società assicurative e alle casse statali. Di fatto è una bella palla al piede per i cittadini. La bicicletta a pedalata assistita, a mio avviso assiste molto poco, specialmente nel caso di anziani. Per questo e per i costi eccessivi, la diffusione di questi mezzi è molto limitata.

    • Infatti taluni usavano questa escamotage per avere un simil motorino e non pagare l’assicurazione oltre il bollo...l’obbligo del casco ed avere una targa....

      • Non si può paragonare una bicicletta elettrica, munita di variatore di velocità a Reostato, con un motorino. Infatti la velocitá di queste biciclette é modesta rispetto ai motorini. Se l'intento era quello di evitare che i due mezzi fossero simili bastava mettere un limite alla velocità del velocipede elettrico.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Attualità

    La statua di Sant'Oronzo a portata di mano per fedeli, curiosi e turisti

  • Cronaca

    Case&Voti, inquilino picchiato per aver denunciato: abbreviato per i tre accusati

  • Cronaca

    Intercettazioni su Marti in Parlamento, ancora stallo sulla competenza

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

  • Picchia datore col bastone e lo insegue: ma esce fuori strada e resta ferito

Torna su
LeccePrima è in caricamento