Cronaca

Bidoni fuori da locali, controlli e multe ai negozianti

Largo raggio dei vigili sulla raccolta differenziata nel centro storico. L'ordinanza vieta i carrellati "parcheggiati" in strada. Ma i commercianti hanno difficoltà a tenerli nelle attività

10072011100

GALLIPOLI - Oltre il piano rifiuti, ormai partito, arrivano controlli serrati per negozi e ristoranti. E sempre in tema di corretto smaltimento dei rifiuti e soprattutto di rispetto delle norme e dell'ordinanza specifica per la raccolta differenziata. E così nei giorni scorsi, domenica e festivi compresa, è arrivato il giro di vite da parte dei vigili urbani in verifica e controllo capillare a cominciare dal centro storico. E ovviamente sono fioccate le prime multe e le prime contestazioni. Sulla scorsa di alcuni esposti inoltrati da tempo dai cittadini (e fino a questo momento non tenuti in considerazione ma solo per l'esiguità del personale in servizio), è partita la verifica a tappeto in particolare sul deposito dei cassonetti consegnati a ristoratori, negoziati e operatori commerciali per effettuare la raccolta differenziata.

Il problema di fondo, per altro più volte segnalato e dibattuto sin dall'avvio del servizio, riguarda l'impossibilità lamentata dagli esercenti di tenere i cosiddetti "carrellati" destinati alla raccolta differenziata dei rifiuti all'interno dei locali. Disposizione e circostanza per altro accuratamente evidenziata dall'ordinanza emessa dall'allora sindaco Giuseppe Venneri ad inizio anno, e che vietava il posizionamento degli stessi "voluminosi" contenitori al di fuori di negozi e locali commerciali nei giorni diversi da quelli previsti nello specifico calendario stilato per disciplinare il servizio di raccolta porta a porta. E' accaduto invece, che per ragioni in molti casi oggettive e giustificate, in altri per eccesso di emulazione (della serie.. "facciamo come fanno gli altri..."), in molti casi e non solo nel centro storico i vari carrellati per la raccolta di carta, vetro, plastica e dell'umido sono stati posizionati tutti insieme, e giornalmente, fuori dai locali o a ridosso di strade e marciapiedi. Una violazione che ora i vigili urbani sembrano non voler più "tollerare", potendo anche contare ora sulla disponibilità delle 14 nuove unità a tempo determinato che liberano il personale per i controlli mirati su occupazione di suolo pubblico e rispetto delle norme sul conferimento dei rifiuti.

Per questo, domenica scorsa sono state passate al setaccio diverse attività e controllati diversi contenitori adagiati lungo le mura e le strade della città vecchia. In molti casi i vigili urbani hanno constatato il posizionamento di tutti i carrellati per la raccolta differenziata in dotazione ad alcuni locali commerciali e ad attività di ristorazione, sulla carreggiata. Con il loro relativo carico di rifiuti all'interno e nei pressi dei contenitori. Tale deposito incontrollato e incontrollabile di rifiuti, che permette la collocazione di rifiuti anche da parte di privati, è di fatto un ripristino dei vecchi cassonetti per la raccolta dei rifiuti. Da qui la violazione all'ordinanza sindacale contestata e le multe in arrivo (sono previste una sanzione amministrativa da 25,82 a 258,23 euro estinguibile mediante il pagamento della somma di 51,64 euro).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bidoni fuori da locali, controlli e multe ai negozianti

LeccePrima è in caricamento