Biglietti falsi per la partita Lecce-Juve: nei guai un tifoso accusato di truffa

Un 33enne ha venduto tagliandi non regolari ed è stato incastrato dalla Digos durante una perquisizione. L'Us Lecce invita ad acquistare biglietti su canali ufficiali

Foto di repertorio

LECCE –  Vendeva biglietti per la partita del Lecce contro la Juventus, ma erano falsi.

È finito nei guai un tifoso giallorosso di 33 anni che ha subito una perquisizione da parte degli uomini della Digos di Lecce. Gli agenti, su mandato della Procura della Repubblica, hanno approfondito la segnalazione di alcuni tifosi che si sono accorti di aver acquistato i tagliandi falsi.

Partendo dalle denunce dei truffati che, proprio a causa di quei biglietti hanno avuto problemi all'ingresso dello stadio di via del Mare in occasione del match, la Digos ha trovato le prove che inchiodano C.D. al reato di truffa.

I biglietti non destavano alcun sospetto perché erano stati realizzati con l’ausilio di apparecchiatura informatica che ha permesso di rispettare tutti i requisiti di fabbricazione. E, proprio per non dare nell'occhio, il tifoso non ha applicato sconti ma ha rifilato 5 biglietti mantenendo il prezzo di vendita originario

La società sportiva del Lecce, interpellata in merito, ha subito confermato la non autenticità dei tagliandi ed ha invitato i tifosi a reperire i biglietti d'ingresso sui canali ufficiali in occasione della prossima partita Lecce-Inter, in programma domenica 19 gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento