Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Gallipoli

Bimbi "a mollo" all'ingresso e all'uscita della scuola

Numerose segnalazioni dei genitori di Gallipoli per i continui allagamenti del varco di accesso dell'edificio di via Galatone che ospita le classi elementari del Terzo Polo

Le segnalazioni erano già numerose e dai toni allarmistici nelle giornate di pioggia moderata. Figurarsi in queste ultime ore in cui Giove pluvio è tornato a farsi sentire con precipitazioni decisamente più copiose. Un problema reale, anche se dai più sottovalutato o sminuito. Non certo dai genitori dei piccoli alunni della scuola elementare del Terzo Polo di Gallipoli che continuano a battersi, dando risonanza mediatica alla loro protesta, per non vedere più i loro figlioletti letteralmente "a mollo" nelle giornate di pioggia all'entrata o all'uscita del plesso scolastico che insiste su via Galatone. Il problema è infatti proprio questo: il varco di accesso dell'edificio scolastico in questione diventa del tutto impraticabile con l'arrivo delle precipitazioni invernali. La particolare conformazione del manto stradale e i suoi avvallamenti determinano infatti la stagnazione dell'acqua piovana che cadendo in abbondanza forma un vero e proprio "lago" nei pressi del cancello d'ingresso della scuola. E così i piccoli alunni sono costretti a fare i fatidici salti mortali per superare l'increscioso ostacolo, tanto all'arrivo mattutino quanto al suono della campanella d'uscita.

Facile intuire il disagio e la contrarietà dei genitori o degli stessi insegnanti o di chiunque abbia necessità di recarsi nel plesso scolastico di via Galatone nelle giornate di maltempo. Schizzi, pantaloni bagnati, lo scisma di genitori che si accalcano nei pressi del cancello, con l'ombrello in mano, per recuperare il figlioletto o per accompagnarlo all'ingresso, finendo giocoforza nelle enormi pozzanghere d'acqua e fango. E bisogna essere fortunati che nelle ore d'accesso o d'uscita non circolino auto in zona, altrimenti il "bagno" forzato e inaspettato (mica tanto!) è bello e servito. Paradosso nel paradosso è che dalle testimonianze di quelli che oggi sono genitori (e che ieri erano alunni di quella scuola), emerge chiaro che il problema esposto non è certo di recente attualità. Addirittura già trent'anni fa, chi frequentava le scuole elementari di quella zona, ricorda la presenza di quelle pozzanghere. Su quelle pendenze e su quegli avvallamenti di via Galatone il tempo sembra essersi fermato. Mentre ancora oggi il Comune e la Direzione scolastica si rimbalzano le responsabilità del disagio.

A nome di tutti i fruitori degli accessi scolastici di via Galatone e dei contrariati genitori parla Nunzio Nascente che, non senza un pizzico di amara ironia, spiega testualmente: "Nelle belle giornate, via Galatone diventa un allegro viavai di giovani studenti e genitori che all'uscita si accalcano amabilmente sul cancello metallico in attesa dei propri cari. Il problema sorge allora quando Giove pluvio decide di innaffiare la suddetta via che, avendo una particolare pendenza studiata appositamente da tecnici esperti, si allaga proprio in prossimità dell'ingresso formando un laghetto artificiale di rara bellezza. Immaginate un centinaio di alunni che escono tutti insieme e, conseguentemente un centinaio di genitori armati di ombrello che si accalcano sul suddetto cancello con i piedi immersi nel laghetto. In verità, qualche ragazzo tenta quello che nei concorsi ippici si chiama salto della Riviera cercando di scavalcare il laghetto e, sperando di non sbattere sulla muraglia umana dei genitori. Se non fosse una scena curiosa, si potrebbe definirla dantesca. Eppure basterebbe poco, una colata d'asfalto per invertire la pendenza e il gioco è fatto. L'attuale commissariamento del Comune è solo un pretesto per non operare un intervento che costerebbe un centinaio di euro alla comunità ma, che darebbe ai nostri ragazzi la serenità ogni mattina di guardare in cielo noncuranti del tempo. Speriamo bene, altrimenti l'ultima speranza rimasta ai nostri pargoli è quella sempre valida di darsi all'ippica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbi "a mollo" all'ingresso e all'uscita della scuola

LeccePrima è in caricamento