menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Leone, il medico che ha salvato il bimbo.

Roberto Leone, il medico che ha salvato il bimbo.

Bimbo rischia di soffocare per un acino d'uva: operato e salvo

La vicenda stava per replicare assurdamente quella avvenuta a Lizzano. Il piccolo, di 4 anni, figlio di una coppia salentina residente fuori e rientrata per le vacanze, salvato dall'equipe di Endoscopia digestiva e operativa

LECCE – Un bimbo di 4 anni, figlio di una coppia di salentina residente all’estero e rientrata per le vacanze, ha rischiato di morire soffocato a causa di un acino d’uva. Una vicenda che ha stava per replicare assurdamente quella di Lizzano, in provincia di Taranto, dov’è purtroppo deceduta una bimba di appena 2 anni.

Ma in questo caso, che risale a ieri, giovedì 9 agosto, tutto è andato per il meglio. A raccontare questa vicenda e come sia stato salvato il bimbo, è Salute Salento, portale specializzato nella sanità in provincia di Lecce. L’acino, dunque, era rimasto bloccato nell’esofago e appena il bimbo ha manifestato la difficoltà di deglutire, i genitori lo hanno portato al pronto soccorso del “Vito Fazzi”. Qui è stato  assegnato  inizialmente al reparto di Chirurgia pediatrica, poi trasferito agli specialisti di Endoscopia digestiva e operativa, settore diretto dal dottor Armando Dell’Anna.

“Il bambino – riferisce Roberto Leone, il medico che ha eseguito l’intervento in anestesia generale assieme all’infermiera Filomena Marinozzi e all’anestesista Rosa Dollorenzo   – aveva già subito la ricostruzione dell’esofago a causa di patologie congenite e viene seguito da un Centro specialistico. Quindi abbiamo sbloccato l’esofago e asportato il bolo alimentare per via endoscopica, senza praticare alcun taglio, senza alcuna complicanza”.

endoscopia dell'anna-2C’era il rischio, come sottolineato sempre da Leone, che il bolo venisse inalato e passasse nelle vie aeree. Intanto, era bloccato nell’esofago e impediva il transito alimentare. Ma già dopo poche ore il bambino è stato consegnato alla famiglia, che attendeva con ansia l’esito. Ebbene, il piccolo ha già ripreso a giocare, mangiare e fare i bagni in mare.

L’equipe di Endoscopia digestiva del Fazzi non è nuova a interventi analoghi. Appena due giorni prima aveva estratto una moneta da 2 euro dalla gola di una bambina di Latiano che stava giocando col fratellino. Il reparto di Endoscopia digestiva opera a stretto contatto con l’unità di Chirurgia generale diretta dal nuovo primario, Marcello Spampinato. E sono stori di buona sanità che meritano di essere raccontate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento