Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca Rudiae / Via Dalmazio Birago

Binario 68 sgomberato all'alba: forze dell'ordine eseguono sequestro preventivo

Il provvedimento è stato disposto dall'autorità giudiziaria. All'interno della struttura, che sorge in via Dalmazio Birago, vi erano 12 persone. L'occupazione è iniziata nel marzo del 2014 da parte di studenti e precari vicini al movimento antagonista

Il Binario 68

LECCE - Il Binario 68, centro sociale occupato dal 3 marzo del 2014 da studenti e precari vicini ai movimenti antagonisti, è stato sgomberato all'alba di oggi. All'interno vi erano dodici persone che, all'arrivo delle forze dell'ordine, sono salite sul terrazzo fino a che non sono state portate all'esterno dello stabile che sorge in via Dalmazio Birago e che, dai primi di luglio, mostra alla città una grande e colorata opera realizzata da Blu, una delle figure più rappresentative a livello mondiale della tecnica dei murales e della street art.

Le voce si è sparsa intorno alle 6: agenti di polizia, personale dell'ufficio Digos e carabinieri hanno chiuso al traffico l'accesso alla strada che da viale della Repubblica conduce fino a Porta Rudiae, nella parte iniziale in cui sorge la struttura, facente parte di un lotto molto esteso di proprietà di una società immobiliare: negli anni scorsi si è discusso molto di un intervento edilizio in quella che era prima la manifattura tabacchi, fiore all'occhiello di una città che non c'è più. Le forze dell'ordine hanno così dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo disposto dall'autorità giudiziaria.

Sono intervenuti anche i vigili del fuoco, probabilmente per forzare alcune porte, alcuni operai edili, quest'ultimi per murare i varchi di accesso e personale di una ditta privata di sistemi di sicurezza. 

Impossibile per tutti avvicinarsi, difficile rendere quindi conto, se non in maniera frammentaria. Nel giro di un'ora un gruppo di una cinquantina di attivisti si è radunato davanti a uno dei blocchi imposti dalle forze dell'ordine per manifestare solidarietà ed esprimere la propria rabbia verso un'azione spiegata come una vera e propria azione di repressione del dissenso.

Momenti di tensione, ma senza appendici di violenza in una mattinata già di per se convulsa. Sul posto sono arrivati anche due legali, Giuseppe Milli e Francesco Calabro, che si sono fatti accompagnare verso il Binario 68 per verificare di persona cosa stesse accadendo, a garanzia di coloro che risponderanno di occupazione abusiva. Sono stati recuperati gli effetti personali e si è provveduto alla restituzione del possesso ai legittimi proprietari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Binario 68 sgomberato all'alba: forze dell'ordine eseguono sequestro preventivo

LeccePrima è in caricamento