Bollette "pazze" dell'Acquedotto: 64 famiglie incontrano legali e politici

I condomini Iacp di viale della Repubblica alle prese con bollette salate recapitate a casa dall'Acquedotto pugliese. Questa sera l'incontro nella sede della IV Circoscrizione del quartiere Rudiae- Ferrovia

LECCE – Sessantaquattro famiglie dei condomini Iacp di viale della Repubblica alle prese con bollette “pazze” che si sono viste recapitare a casa dall’Acquedotto pugliese. Tant’è che questa sera si è tenuta presso la sede della IV Circoscrizione Rudiae- Ferrovia una conferenza stampa di denuncia dove le le famiglie hanno incontrato Giovanni Castoro, avvocato, Antonio Rotundo consigliere comunale del Pdi il vice presidente del consiglio regionale Antonio Maniglio e il legale Saracino dell’Associazione dei consumatori.

“L’intera vicenda – ha detto Castoro - ha del grottesco, se si tiene conto che i residenti  inquilini chiedevano da anni allo Iacp di intervenire sulla rete fognante e sulla rete idrica e anche, se in ritardo, sono state effettuate una lunga serie di riparazioni su impianti obsoleti e mal funzionanti  con enorme dispendio di acqua che andava perduta e certamente:  questa è una delle cause che pesa notevolmente sulle bollette recapitate e che si contestano”.

“Inoltre dei 64 appartamenti  più della metà dei contatori  di sottrazione – ha aggiunto - sono risultati  negli anni 2005-2006-2007 non funzionanti  né tantomeno  l’incaricato dallo Iacp si è recato presso gli alloggi per effettuare la lettura degli stessi  . Oggi si chiede di pagare quegli anni basandosi sulla mancanza di una lettura certa che è senz’altro da addebitare allo Iacp e oggi al fiduciario e non certo a quei cittadini che da sempre pronti  a corrispondere quanto dovuto se però ciò  viene chiesto in maniera chiara e inequivocabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assenza ingiustificata  del fiduciario (amministratore dello Iacp), nonostante sarebbe stato invitato in  varie di assemblee da parte dei condomini. “La mancanza di  un dialogo chiaro e chiarificatore con lo Iacp e con il fiduciario – ha inoltre detto il legale - porta i cittadini ad alzare la voce e a dire che così non si può andare avanti.Un amministratore che dà la netta sensazione che sia  più con l’Ente che lo ha voluto ad amministrare i condomini  che con gli stessi lamentano mancanza di chiarezza e poca attenzione per la risoluzione dei problemi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento