Una mina anticarro sui fondali di San Cataldo: tra poche ore sarà fatta brillare

La scoperta nella giornata di sabato, da parte di un sub, a circa una ventina di metri dai resti del Molo Adriano e a un paio di profondità

Foto di repertorio.

SAN CATALDO (Lecce) – Tra poche ore, alle 9 di martedì, gli artificieri della Marina militare decideranno potrebbero far brillare un ordigno a San Cataldo. Si tratta di una mina magnetica anticarro, risalente al periodo bellico, rinvenuta nella giornata di sabato da un sub. La scoperta dell’oggetto a circa una ventina di metri di distanza dai resti del Molo Adriano, nella marina leccese, durante l'attività di immersione sui fondali.

Lo sportivo si trovava a circa due metri di profondità quando ha notato quella strana presenza. Si è rivolto al numero di pronto intervento della capitaneria di porto. La sala operativa ha poi interessato gli uomini dell’Ufficio locale marittimo: i militari si sono recati sul punto del ritrovamento e hanno fotografato l’ordigno, fornendo le immagini ai colleghi artificieri.

Subito dopo la segnalazione del sub, intanto, era stata emessa un’ordinanza di interdizione dell’area. Nella giornata di domani, i militari eseguiranno l’intervento. Sulla scorta dei parametri di pericolosità e potenziale esplosivo della mina, decideranno se farla brillare o se rimuoverlla. Sono comunque in corso ulteriori monitoraggi per accertare l’eventuale presenza di altri ordigni simili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Curva stabile, quasi 1500 positivi. Casarano e Alessano scuole solo in Ddi

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Paura nella notte: fulmine su palazzina sveglia i residenti, danni a elettrodomestici

Torna su
LeccePrima è in caricamento