menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Piazzano bomba sotto l’auto di una donna: si indaga, forse un errore di persona

L’esplosione udita intorno alle 22 a Galatone. Danni per circa mille euro alla carrozzeria e al vetro di una Citroen C3 intestata a una 52enne del posto, incensurata. Indagano i carabinieri della stazione locale e della compagnia di Gallipoli

GALATONE – Piazzano un ordigno sotto l’auto di una donna e  si dileguano. Ma non si esclude un errore di persona. L’intimidazione nella serata di ieri, a Galatone, in via Alceste Colitta. Intorno alle 22 i residenti hanno udito un boato provenire dalla strada: una bomba carta a basso potenziale, è stata lasciata da ignoti sotto la Citroen C3 di una 52enne del luogo, casalinga incensurata. L'onda d'urto ha provocato danni al mezzo, in particolare alla carrozzeria e al vetro, per un importo di circa mille euro.

Fortunatamente, non sono state registrate conseguenze sulle facciate delle abitazioni e su altre vetture parcheggiate lungo la strada. Sul posto, sono stati fatti intervenire i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli per accertare che non vi fossero ulteriori pericoli. Al sopralluogo hanno preso parte anche i carabinieri della stazione locale e i colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia della Città Bella, guidati dal capitano Beatrice Casamassa. Gli uomini dell’Arma hanno avviato la ricerca di tutte le videocamere di sorveglianza dalle quali recuperare filmati utili alle indagini. La donna, proprietaria dell'auto colpita, è stata immediatamente ascoltata. Ma stando alle prime ricostruzioni, i sospetti degli inquirenti non escludono un errore di persona.

La destinataria dell’intimidazione potrebbe dunque non essere la donna, né tantomeno il marito commerciante. Si tratta di prime ipotesi, ancora frammentarie, che potranno essere confermate o smentite durante l’attività investigativa delle prossime ore. Gli inquirenti cercano intanto anche eventuali testimoni in zona: nonostante la fascia oraria da “coprifuoco”, alle 22 ci sarà stato sicuramente qualcuno ancora in giro. Poco distante, nel mese di giugno scorso, si verificò un episodio simile, giusto a pochi metri dall’abitazione della famiglia colpita nelle ultime ore. Una Skoda Octavia, intestata a un artigiano del luogo che lavora il ferro vecchio, fu data alle fiamme. Furono ore convulse per Galatone: in quella stessa notte andarono a fuoco altri mezzi e, la sera prima, si verificarono anche un altro paio di attentati incendiari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento