Bomba carta al distributore di carburante: malvivente immortalato dalle telecamere

E’ caccia all’uomo che nella notte si è introdotto nell’area di servizio "Menga petroli", a Novoli, provocando danni a due colonnine erogatrici e a una tettoia. La stessa stazione era stata presa di mira già un mese fa

L'area di servizio a Novoli

NOVOLI - E’ ritornato nel mirino dei malviventi il distributore “Menga Petroli”, in via Sacco e Vanzetti, a Novoli. Solo un mese fa, qualcuno si era introdotto nell’area di servizio, nel cuore della notte, per tagliare le pompe erogatrici di carburante. Stavolta, invece, sempre con la complicità del buio, è stata piazzata una bomba carta e sono state danneggiate due colonnine per il rifornimento (una è andata completamente distrutta, una solo in alcuni punti), e una parte della tettoia.

Chi ha agito, però, non ha fatto bene i calcoli con le telecamere di videosorveglianza, di cui è dotata la zona, e potrebbe avere le ore contate: da una prima analisi dei video, infatti, si vede un uomo scendere da un’autovettura e lanciare un piccolo oggetto.

A dare l’allarme è stata la proprietaria e sul posto, sono intervenuti i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Campi Salentina che hanno ascoltato la donna e acquisito i filmati.

Non si tratta degli unici episodi ai danni della "Menga Petroli". Solo sei giorni fa, un ordigno di fabbricazione artigianale era stato fatto esplodere davanti alla saracinesca del bar della stazione che si trova in via Latiano a Torre Santa Susanna (a Brindisi).
 

Potrebbe interessarti: https://www.brindisireport.it/cronaca/bomba-carta-bar-stazione-servizio-menga-petroli-torre-santa-susanna.html

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

Torna su
LeccePrima è in caricamento