Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Bombe carta ed episodi di Surbo, il cerchio si stringe

Incontro con funzionari della Digos e dell'Arma, in mattinata, per fare il punto della situazione sull'episodio di domenica, durante il corteo dei tifosi. Ma anche sul fronte caldo dei fatti di Surbo

La Procura di Lecce continua nella sua attività di monitoraggio e di stretta collaborazione con le forze dell'ordine sui diversi episodi che nell'ultima settimana hanno scosso la città di Lecce e il comune di Surbo. I funzionari della Digos insieme con i carabinieri della compagnia del capoluogo continuano incessantemente il proprio lavoro per cristallizzare i video che hanno ripreso il corteo dei sostenitori del Lecce, domenica pomeriggio, snodatosi lungo le vie della città, durante il quale si è sfiorata la tragedia con il lancio di una bomba carta sulla jeep dei carabinieri.

Le indagini vanno avanti e il cerchio sui probabili autori del gesto sarebbe stato ristretto su una decina di persone, così come emerso già ieri da alcune indiscrezioni. In Procura, parallelamente, c'è il massimo riserbo sull'identikit degli individui che sarebbero stati notati in mezzo ai tifosi ed un fascicolo è stato aperto contro ignoti.

C'è fermento anche su un altro fronte caldo, a ridosso della tornata elettorale, i continui attentati firmati con il fuoco che hanno infiammato la campagna politica nel comune di Surbo. Auto bruciate con obiettivi bipartisan: esponenti politici e delle forze dell'ordine. Quest'ultimo filone investigativo è affidato ai carabinieri di Lecce, e in Procura c'è stato un incontro per stilare un bilancio sulle indagini, e adottare le giuste contromisure ad un'emergenza criminalità che nella cittadina di Surbo avrebbe rialzato prepotentemente il tiro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bombe carta ed episodi di Surbo, il cerchio si stringe

LeccePrima è in caricamento