menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due bombole per distruggere una villetta: una esplode e le mura si sbriciolano

Attentato nelle campagne fra Galatina e Cutrofiano. Un contenitore di gas è esploso, l’altro è rimasto intatto: la casa, disabitata, è invece venuta giù completamente

CUTROFIANO – Una villetta sbriciolata dall’esplosione di una bombola che qualcuno ha piazzato lì, con l’intenzione di arrecare un simile danno e col rischio di provocare un dramma. Completamente distrutto, infatti, l’immobile colpito la scorsa notte dalla deflagrazione avvenuta nelle campagne tra Cutrofiano e Galatina, in contrada Donnabella.  Una decina di minuti prima delle 2 l’edificio, fortunatamente disabitato al momento dell’accaduto, è venuto giù, pezzo dopo pezzo per l'onda d'urto.

L'edificio era fino a poco tempo fa di proprietà di un fruttivendolo del luogo di 63 anni, ma era stato messo all’asta una ventina di giorni addietro, a causa dell’insolvenza di un mutuo nei confronti di un stituto di credito. Messa in vendita, dunque, la villetta non era al momento occupata. Se ci fosse stato qualcuno all’interno, sarebbe stata una tragedia di portata inenarrabile.

Sul posto, infatti, i vigili del fuoco del distaccamento di Maglie hanno rinvenuto una bombola di gas esplosa, più un secondo contenitore rimasto intatto. Il danno potenziale preventivato, dunque, era persino maggiore di quello arrecato effettivamente. Sebbene ancora in fase di quantificazione, si parla di alcune centinaia di migliaia di euro.

Assieme ai pompieri sono anche intervenuti i colleghi dell’Unità cinofila, ai quali è toccato scavare sotto le macerie, assieme ai cani del 115, per ritrovare eventuali corpi o feriti. Le indagini, intanto, sono nelle mani degli agenti di polizia del commissariato di Galatina, sopraggiunti per assistere ai primi sopralluoghi dei “caschi rossi”. L’attività investigativa è già entrata nel vivo: sin dall’alba sono state ascoltate alcune persone ed è stata tracciata la mappatura delle videocamere di sorveglianza dai quali estrarre i filmati. Alcuni individui sono stati ascoltati, compreso l'ex titolare dell'abitazione e altre persone potrebbero essere sentite in giornata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento