Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Lente puntata attorno a Boncuri sul fenomeno delle mense clandestine

Alcuni tunisini offrivano ad altri stranieri ospiti del villaggi pasti usando cucine di fortuna. Dietro, un sistema più ampio

I moduli abitativi del villaggio Boncuri.

NARDO’ – Il villaggio d’accoglienza di Boncuri, dal nome della masseria che sorge nelle immediate vicinanze e che è diventato nel tempo simbolo di lotte sindacali per il rispetto della dignità dei lavoratori stagionali, è oggi uno dei fiori all’occhiello con i suoi moduli abitativi e i servizi che offre agli stranieri che arrivano nell’agro di Nardò in cerca di lavoro con la raccolta di angurie e pomodori, prima di andare verso altre regioni italiane, a caccia di nuove possibilità.

Un passo da gigante rispetto a un recente, vergognoso passato. Tuttavia, il fenomeno del caporalato è duro a morire, manifesta sacche di resistenza, si adegua in fretta ai cambiamenti e assume nuove strade. Tanto che, nonostante cucine nuove di zecca e oggi finalmente in uso, tramite la gestione affidata alla Caritas grazie a fondi appositamente stanziati dalla Regione Puglia, alcuni soggetti tunisini (tre quelli identificati in questi giorni dagli agenti di polizia del commissariato di Nardò nel corso di due ispezioni), stavano iniziando a mettere in piedi una sorta di mensa parallela. Insomma, bisogna stare sempre con gli occhi spalancati.

Un fenomeno stroncato sul nascere

Il fenomeno, in questo caso, è stato stroncato sul nascere. Costanti, infatti, sono i controlli della polizia di permessi di soggiorno e passaporti. Così come quelli nelle strutture vicine al campo. Proprio nella vecchia masseria, per l’esattezza alle spalle, ci sono alcune zone ormai fatiscenti, con muretti diroccati. Qui, avevano trovato collocazione cucine a gas e bombole. Nel corso di due controlli, uno del 3 agosto, il secondo più recente giusto di ieri mattina, giovedì 8, gli agenti hanno anche “pizzicato” uno dei già citati tunisini a preparare patatine.

La mensa della Caritas offre tre pasti: durante la cena, quello principale, vengono anche distribuiti due sacchetti per il giorno dopo (colazione e cena), quando, già attorno alle 4 di mattina, s’inizia a partire per le mete più disparate. Non solo le campagne neretine, di Copertino, Leverano o Veglie, ma anche al di là della provincia di Lecce, fino a quella di Taranto. Perché, allora, scegliere di servirsi in cucine clandestine, realizzate fra la polvere, in condizioni igieniche che definire precarie è un eufemismo?

Un "pachetto" da 15 euro

Probabilmente, alcuni degli ospiti, venivano sobillati con dicerie circa qualità e quantità del cibo. Il tentativo, spingerli al di fuori del campo e accettare la loro offerta. Sembra che proprio uno dei tunisini sia entrato nei giorni scorsi nel villaggio, pur non essendo un ospite riconosciuto. Il che la dice lunga.

Si è scoperto che il prezzo si aggirava attorno ai 15 euro. Sarebbe, però, comprensivo anche di altro. Non solo pasto e acqua, ma anche trasporto. Un "pacchetto completo". Un aspetto, questo, sul quale bisogna ancora fare piena luce. Dietro, dunque, potrebbe esservi un'organizzione più ampia e strutturata di sfruttamento, di cui i tunisini identificati  – anelli intermedi – farebbero parte. Di certo, Boncuri fa gola a chi ha intenzione di lucrare in ogni modo possibile e immaginabile. Mediamente, vi sono 180 ospiti, con punte di 280 nei momenti di massima richiesta di lavoro. Per qualcuno, non uomini, ma spugne da strizzare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lente puntata attorno a Boncuri sul fenomeno delle mense clandestine

LeccePrima è in caricamento