Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Botte fra extracomunitari a Porta Rudiae: due feriti

Bottigliate, pugni e calci. Una lite è scoppiata ieri sera fra due minorenni, un afgano ed un egiziano. Sul posto sono dovute intervenire le volanti di polizia. Il più grave ne avrà per dieci giorni

DSC03009

LECCE - Bottigliate, pugni e calci. Una lite fra giovani extracomunitari, per motivi ancora non del tutto chiari, è scoppiata ieri sera all'altezza di Porta Rudiae. Al di là delle cause scatenanti, si tratterebbe comunque di una sorta di "regolamento di conti" fra due 17enni, ospiti dell'Itca sulla via per Arnesano, il centro d'accoglienza per minori. Uno è egiziano, l'altro afgano.

I due non si sono risparmiati nei colpi, tanto che in frantumi è finita una bottiglia, le cui schegge hanno provocato graffi e lesioni. Sul posto, per sedare gli animi fin troppo accesi ed evitare che la situazione potesse degenerare, sono intervenuti gli agenti della sezione volante della questura di Lecce.

I due facevano parte di un gruppo più nutrito di ragazzi, che, insieme ad un responsabile del centro, che li accompagnava, stavano facendo un giro in città. Evidentemente, dovevano avere qualche conto in sospeso ed hanno colto l'occasione dell'uscita fuori dalla struttura. Feriti, per fortuna non gravemente, sono stati condotti in ospedale dalla stessa polizia e medicati al pronto soccorso del "Vito Fazzi" di Lecce.


Ad avere la peggio, è stato l'afgano, che ne avrà per dieci giorni, a causa di ferite ed una mano ed alla schiena. Prognosi di qualche giorno per l'egiziano. Dopo essere stati curati, i due sono finiti negli uffici della questura, per l'identificazione. Del caso se ne sta occupando il pubblico ministero presso la Procura per i minori, Anna Carbonara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte fra extracomunitari a Porta Rudiae: due feriti

LeccePrima è in caricamento