Cronaca

Bottiglie contro la finestra del sindaco, denunciato studente 18enne

I carabinieri di San Cesario di Lecce hanno scoperto il presunto autore dell'ennesimo danneggiamento alla sede del Comune di San Donato. Sarebbe un puro atto di vandalismo, senza un movente preciso. Caccia ai possibili complici

San Donato (foto LeccePrima, tutti i diritti riservati).

 

SAN DONATO DI LECCE – I carabinieri della stazione di San Cesario di Lecce hanno scoperto il presunto autore dell’ennesimo danneggiamento alla sede del Comune di San Donato di Lecce e l’hanno deferito alla Procura di Lecce. Si tratta di un 18enne, G.R., studente. L’episodio risale alla notte fra sabato e domenica scorsi. Come già in altre occasioni, la mattina s’è scoperto che qualcuno aveva lanciato due bottiglie all’indirizzo del portone della sede comunale e della finestra dell’ufficio del sindaco, Ezio Conte. Lievi i danni, certo, ma la condanna dei cittadini per l’episodio, solo l’ultimo della serie, è stato pressoché unanime.

I carabinieri, dopo avere reperito le bottiglie, hanno avviato gli accertamenti, tenuto conto che già da tempo stavano curando un’attenta raccolta info-investigativa sul conto di alcuni sospetti, ritenuti a vario titolo collegati con altri episodi simili nella piazza centrale del paese. Il cerchio s’è chiuso su un gruppo di giovani del posto, già finiti sotto la lente d’ingrandimento.

Una volta scoperto il fatto, quella domenica mattina, si è trattato solo di mettere insieme i riscontri, svelando così il coinvolgimento diretto del 18enne, ritenuto l’artefice del lancio di bottiglie. Dagli approfondimenti, traspare che tutto sarebbe da ascriversi a puro vandalismo. Ovvero, non vi sarebbe un movente particolare, se non il disprezzo per la cosa pubblica. Tuttavia, i carabinieri sono sulle tracce di eventuali compici, e stanno anche verificando il possibile coinvolgimento del ragazzo in fatti analoghi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bottiglie contro la finestra del sindaco, denunciato studente 18enne

LeccePrima è in caricamento