Casa sulla spiaggia: nessun abuso per l’occupazione del demanio

Sono stati assolti i proprietari di un piccolo condominio: non ricadrebbe su di loro l’abuso ormai esistente da decenni

PORTO CESAREO- Assoluzione piena per i proprietari di un fabbricato composto da quattro appartamenti in località Scalo di Furno, in prossimità del noto stabilimento balneare Le Dune, a Porto Cesareo.  Le aree demaniali ormai divenute giardini a servizio delle abitazioni e verande che erano state sottoposte a sequestro fin dal 2012, sono state restituite definitivamente ai proprietari delle abitazioni stesse. Questo è l’esito del processo celebratosi innanzi al Giudice della seconda sezione penale di Lecce. Sono state accolte in pieno le tesi dei difensori degli imputati, gli avvocati Pietro Quinto, Antonio Quinto e Michele Palazzo. Tutto è cominciato a seguito di un’attività di indagine della polizia giudiziaria e della capitaneria di porto del febbraio del 2011, sull’intera linea costa del territorio cesarino.

E lì che era stato accertato come alcune abitazioni, risalenti agli anni Sessanta e Settanta, erano state in parte edificate sul demanio marittimo e alcune di esse avevano persino “invaso” tratti di spiaggia, trasformandole in giardini e cortili pavimentati. Ne è scaturito il sequestro delle porzioni immobiliari oggetto di sconfinamento, sequestro mantenuto fino alla giornata di oggi. I successivi accertamenti hanno rivelato che l’occupazione del demanio risaliva all’epoca della costruzione di quelle abitazioni, fra le prime case di villeggiatura realizzate a Porto Cesareo. E che, sempre in passato, i tratti di spiaggia a ridosso e a servizio delle case erano state concesse in uso dalla capitaneria di porto proprio ai singoli proprietari, così consentendo la successiva sanatoria edilizia dei fabbricati. I proprietari erano stati tratti a giudizio per i reati di abuso edilizio e di occupazione arbitraria di suolo demaniale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni degli interessati si erano quindi rivolti al Tar per ottenere la disponibilità quelle aree di pertinenza delle abitazioni e, all’esito del pronunciamento favorevole dei giudici amministrativi, avevano ottenuto la concessione demaniale. Nel corso del processo innanzi al Tribunale di Lecce i difensori degli interessati hanno dimostrato che quelle abitazioni sono ormai regolamentari a tutti gli effetti a seguito delle licenze edilizie rilasciate nel tempo e che l’occupazione arbitraria del demanio è può essere riferita solo a chi ha materialmente edificato i fabbricati. Queste argomentazioni sono state condivise nella sentenza di oggi che ha chiarito che il semplice fatto di aver mantenuto le aree demaniali a servizio delle abitazioni non può costituire alcuna ipotesi di reato e ha assolto gli imputati.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento