La tragica scoperta: 43enne cade dal balcone di un palazzo vuoto

E' successo a Copertino nel pomeriggio. Alfonso Ivan Sponzilli è precipitato accidentalmente, mentre stava tentando di scavalcare. A trovarlo morto è stato un passante che ha avvisato i carabinieri, ora al lavoro per svelare il mistero

COPERTINO – Una tragedia avvolta da un alone di mistero si è consumata questo pomeriggio nel cuore di Copertino, a due passi dallo storico Castello. Intorno alle 16, infatti, un passante ha notato riverso per terra il corpo di uomo in via San Giuseppe, una stradina del centro storico adiacente alla piazza. Sembrava esanime e ha subito chiamato i numero d’emergenza.

Per l’uomo, poi identificato in Alfonso Ivan Sponzilli, 43enne del posto, purtroppo non c’era più nulla da fare. E da quel momento, i carabinieri della tenenza locale e della compagnia di Gallipoli, hanno iniziato a lavorare per cercare di comprendere le cause di un decesso che, come subito intuito, non poteva che essere avvenuto precipitando da una certa altezza.

Una caduta accidentale

Non un suicidio, però, ma una caduta accidentale, dal balcone di una vecchia casa del centro storico, disabitata da tempo, tanto da non essere nemmeno ammobiliata. Questo, a quanto pare, si evincerebbe anche dalle immagini di alcune videocamere vicine, in cui si noterebbe Sponzilli arrivare sul posto, nel centro di una Copertino completamente deserta, raggiungere il balcone tramite alcune scale aperte che danno sulla strada e poi perdere l’equilibrio e franare al suolo, scavalcando. Morendo praticamente sul colpo per un violento trauma cranico, come verificato sul posto dal medico legale Roberto Vaglio.

Un mistero da svelare

Ma perché si stava introducendo in quella casa completamente vuota, rischiando anche di essere fermato per eventuali controlli senza avere una giustificazione valida per uscire di casa, vista l’emergenza? E quali sono state le fasi precedenti a quella salita? Tutte domande per le quali gli investigatori stanno cercando una risposta.

Per ora, di lui, un operaio, non si sa molto, se non che avesse un trascorso abbastanza recente: nell’ottobre del 2017, dopo una perquisizione in casa, fu trovato con oltre una ventina di dosi di cocaina e arrestato.      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

Torna su
LeccePrima è in caricamento