rotate-mobile
Cronaca Martano

Cade in un pozzo di sette metri. In prognosi riservata 61enne

Francesco Caracuta era in campagna con un amico, in un'area tra Martano e i Laghi Alimini, quando è caduto in una cavità senz'acqua. Tratto in salvo dai vigili del fuoco, è stato trasportato d'urgenza al "Vito Fazzi" di Lecce

MARTANO – Risucchiato per una fatalità nelle profondità di un pozzo in mezzo alle campagne che si affacciano sulla provinciale che da Martano conduce ai Laghi Alimini: Francesco Caracuta 61enne, originario del posto, è il protagonista involontario di una disavventura che poteva avere risvolti ancora più tragici. Grazie al repentino intervento dei vigili del fuoco del distaccamento magliese, l’uomo è stato tratto in salvo in queste ore e trasportato in codice rosso al “Vito Fazzi” di Lecce, dove la prognosi è riservata.

Tutto ha avuto inizio questa mattina, quando l’uomo in compagnia di un amico si è recato in una campagna, per raccogliere gemme dagli alberi: nell’area insiste un pozzo senz’acqua, che era ricoperto da una grata di legno. Dalle prime ricostruzione, sembra che Caracuta non si sia reso conto della presenza del buco nel terreno e avrebbe calpestato la pedana, che cedendo lo ha condotto alla brutta caduta fino ad una profondità di ben sette metri.

L’amico prontamente ha allertato i soccorsi e, sul posto, sono giunti i carabinieri della stazione di Martano, coordinati dalla compagnia di Maglie, i sanitari del 118, i vigili del fuoco. Questi ultimi hanno imbracato l’uomo, che era riverso in fondo al pozzo, ma cosciente e lo hanno tirato fuori.

Caracuta ha riportato diverse fratture alle gambe ed è stato condotto a Lecce dall’ambulanza del 118. Le sue condizioni sembrano gravi ed andranno monitorate nelle prossime ore. Non è però in pericolo di vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cade in un pozzo di sette metri. In prognosi riservata 61enne

LeccePrima è in caricamento