Cronaca

Precipita dal primo piano dell’abitazione al mare: nulla da fare per un uomo

La tragica caduta a Torre Lapillo, questa mattina. Un 84enne di Guagnano è stato accompagnato a Copertino, ma non ce l’ha fatta

Il pronto soccorso di Copertino

TORRE LAPILLO (Porto Cesareo) – Dopo il tragico infortunio sul lavoro di ieri, a Nociglia, un’altra caduta  ha strappato la vita a un uomo. E’ accaduto questa mattina a Torre Lapillo di Porto Cesareo: la vittima è un anziano è di Guagnano, Oronzo Degli Atti, un 84enne.  Il pensionato si trovava al primo piano di un’abitazione, in villeggiatura, quando per cause ancora sconosciute ha perso l’equilibrio. Il volo, sospeso ad alcuni metri di altezza, gli è costato la vita.

Soccorso dal personale medico del 118, è stato accompagnato d’urgenza presso l’ospedale di Copertino, ma non ce l’ha fatta. A causa di un improvviso peggioramento delle sue condizioni, è infatti spirato senza che i sanitari potessero i tentativi di rianimazione. Sul posto, i carabinieri della stazione di Porto Cesareo per le indagini, ai quali è toccato anche il doloroso compito di comunicare la drammatica notizia ai famigliari della vittima.

 I militari dell’Arma hanno ascoltato i testimoni, per stabilire con esattezza la dinamica dell’accaduto. La salma, su disposizione del magistrato di turno, è stata intanto trasferita dall’ospedale “San Giuseppe” di Copertino, al “Vito Fazzi” di Lecce. E’ qui che, nelle prossime ore, il medico legale incaricato dalla procura eseguirà l’autopsia per chiarire, attraverso l’esame medico, la causa del decesso dell’uomo, per poi restituire il corpo ai parenti per un ultimo saluto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita dal primo piano dell’abitazione al mare: nulla da fare per un uomo

LeccePrima è in caricamento