Cronaca Litorale

Scivola dalla scogliera da un’altezza di otto metri. Una 28enne in gravi condizioni

L'incidente in mattinata a Roca, la marina di Melendugno, nei pressi della Grotta della Poesia. La ragazza è rimasta ferita ed è stata raggiunta in acqua da una motovedetta dell'Ufficio locale marittimo di San Foca. E' stata accompagnata al "Vito Fazzi" di Lecce con gravi lesioni

Uno scorcio della costa di Roca

ROCA (Melendugno) – Una caduta da un’altezza di otto metri, poi la corsa in ospedale. Sara Panebianco, una ragazza di 28 anni, è scivolata in mattinata nei pressi della Grotta della Poesia, a Roca, la marina di Melendugno. Non si conosce nel dettaglio la dinamica: potrebbe essersi trattato di un malore che potrebbe averle fatto perdere l’equilibrio, o di un tuffo.

Quel che è certo è che alcuni ragazzi, che si trovavano in acqua su un materassino, hanno cercato di aiutarla e hanno allertato i soccorsi. Per recuperare il corpo della 28enne è intervenuta una motovedetta partita dall’Ufficio locale marittimo di San Foca. I militari della marina adriatica, assieme ai colleghi della capitaneria di porto di Otranto, hanno soccorso la giovane, poi affidata alle cure dei sanitari del 118.

Giunta al “Vito Fazzi” di Lecce, la ferita è stata immediatamente sottoposta alle cure dei medici. Questi ultimi stanno eseguendo tutti gli accertamenti, compreso quello della Tac, per chiarire l’entità delle lesioni riportate. Al termine delle verifiche, sarà possibile stabilire con maggiore precisione le condizioni di salute della 28enne. Nel pomeriggio la prognosi è stata sciolta: sessanta giorni per le fratture. Ha firmato le dimissioni per ritornare a Milano, città dove risiede. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scivola dalla scogliera da un’altezza di otto metri. Una 28enne in gravi condizioni

LeccePrima è in caricamento