Precipita dal tetto di un capannone industriale: studente in prognosi riservata

Un 17enne di Lequile soccorso nel pomeriggio di venerdì e ricoverato. Si trovava in compagnia di una coetanea che ha allertato i soccorsi. Sul posto i carabinieri di San Pietro in Lama

L'ospedale "Vito Fazzi" di Lece.

LEQUILE – È vivo per miracolo un ragazzo quasi 17enne, precipitato nel pomeriggio di ieri da un’altezza di circa otto metri. Non è dato sapere se accidentalemente o se per un salto voluto. L’adolescente si trovava in compagnia di un’amica, una coetanea, all’ingresso della zona industriale di Lequile. I due hanno raggiunto lo stabilimento abbandonato da tempo e il giovane si è inerpicato fin su, probabilmente per un gioco.

Ha perso però l’equilibrio ed è precipitato al suolo, perdendo momentaneamente i sensi. La sua amica, nel panico davanti alla scena, ha immediatamente allertato telefonicamente la madre dello studente. La donna, a sua volta, ha raggiunto il luogo e chiamato i soccorsi. Sul posto, gli operatori del 118 per le prime cure e medicazioni. Immediato il trasporto nel vicino pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, in codice rosso. Una volta affidato ai medici, il ragazzo è stato sottoposto ad accertamenti clinici per valutare l’eventuale presenza di traumi agli organi interni. Al termine degli esami, è stato poi ricoverato in prognosi riservata nello stesso ospedale.

Come da protocollo, sarà tenuto sotto osservazione per circa 48 ore, in attesa che le sue condizioni di salute mostrino segni di miglioramento. Per il personale ospedaliero sarebbe comunque fuori pericolo, sebbene ancora prematuro affermarlo con certezza. Sul luogo dell’accaduto, inoltre, sono giunti anche i carabinieri della stazione di San Pietro in Lama per i rilievi e per ascoltare l’unica testimone che ha assistito all’incidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento