Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Us Lecce mette i paletti: "Al momento ingiusta ogni condanna mediatica"

Il sodalizio di via Templari rinnova la massima fiducia nella magistratura e precisa, con riferimento ai recenti sviluppi dell'inchiesta di Cremona, che "dall'ordinanza non emergono elementi di prova degni di nota"

La sede dell'Us Lecce, in via Templari

LECCE - A ventiquattro ore dalla deflagrazione del nuovo scandalo legato alla vicenda del calcioscommesse, con le ordinanze di custodia cautelare eseguite lunedì mattina,  l'Us Lecce interviene con un comunicato ufficiale che si riporta di seguito integralmente. 

"L’US Lecce Spa - tirata in ballo nella vicenda del cosiddetto “calcioscommesse” su cui sta indagando la Procura di Cremona (senza aver ricevuto alcun atto formale da parte delle Autorità procedenti, ma solo per citazioni nella conferenza stampa) -, nel ribadire la propria assoluta estraneità ai fatti, conferma la fiducia incondizionata nella magistratura inquirente, sia ordinaria che sportiva, delle cui determinazioni resta in attesa". 

"Peraltro, dalla lettura dell'ordinanza di applicazione della misura cautelare (emessa nell'ambito del su detto procedimento) non emergono elementi di prova degni di nota a carico di tesserati della società - con riferimento alla partita incriminata Lecce-Lazio -, se non la dichiarazione de relato (quindi senza una conoscenza diretta dei fatti) di Gervasoni non suffragata da alcun riscontro probatorio, e che coinvolgerebbe solo due calciatori leccesi (di cui uno entrato in campo a partita iniziata per sostituire un compagno, mentre un altro calciatore, che pure si ritiene coinvolto, non ha proprio preso parte alla gara in quanto infortunato). Nella stessa ordinanza si parla della Lazio “quale logica favorita dell'incontro”. Per Brescia-Lecce non vi sono neanche quei pochi insignificanti elementi". 
 
"Come nessun elemento vi è a carico della dirigenza dell'US Lecce dell'epoca (pure citata nella conferenza stampa e da qualche organo di stampa), anche perchè non si comprende perché mai avrebbe dovuto prendere parte ad una combine per una gara che non aveva più alcun valore per il campionato della squadra. Fino all’accertamento in via definitiva delle eventuali responsabilità di ciascuno (allo stato non è dato sapere neanche se i calciatori del Lecce siano iscritti nel registro degli indagati), resiste nel nostro ordinamento la presunzione di innocenza e il diritto di difesa da esercitarsi nelle opportune sedi e, pertanto, allo stato attuale appare ingiusta qualsiasi condanna mediatica".
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Us Lecce mette i paletti: "Al momento ingiusta ogni condanna mediatica"

LeccePrima è in caricamento