Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Caldo e vento, il fuoco divora tutto: balle di paglia e tre veicoli in fumo

Giornata afosa e ventilata, e i roghi hanno provocato danni molto seri fra Campi Salentina e campagne di Frigole

LECCE – Ondata di caldo più forti raffiche di vento: un mix molto pericoloso. Che ha portato con sé anche oggi i consueti incendi di stagione, in alcuni casi, però, con effetti a dir poco devastanti.

L’assenza di pulizia nelle campagne resta probabilmente il problema principale, spesso motivo scatenante del diramarsi di vasti e incontrollabili roghi, dopo l’accensione sconsiderata per la “pulizia” senza alcun tipo di protezione. Una pratica che continua con la stessa costanza con cui non vengono assunte misure di prevenzione, nonostante precise ordinanze.  

Oggi, ad esempio, si sono avuti due casi estremi che hanno generato, come conseguenza, danni rilevanti, per migliaia di euro, tenendo i vigili del fuoco impegnati su più fronti per molte ore, senza mai fermarsi, anche perché chiamati nel frattempo per altri più piccoli, ma sempre pericolosi, incendi di sterpaglie nelle campagne di mezzo Salento.

IMG-20160628-WA0006-2

Insomma, il consueto tour de force con situazioni, però, anche particolari. Nella tarda mattinata, ad esempio, sulla strada provinciale fra Cellino San Marco e Campi Salentina, le fiamme, forse sospinte proprio dal vento, hanno finito per attecchire su decine e decine di balle di paglia accatastate nei pressi di un opificio in stato d’abbandono. Una combustione durata diverso tempo e che ha comportato il formarsi di una nuvola di fumo grigio. Il luogo era stato impiegato proprio come deposito da qualche agricoltore della zona, ma evidentemente non è servito a molto, come protezione.

Ancora peggio quanto accaduto nel pomeriggio, nelle campagne intorno alla marina di Frigole, non lontano da tenuta “Solicara”, dove altre fiamme sono arrivate a lambire le strade interne, tanto da avvolgere, nel loro incedere irrefrenabile, anche due autovetture e un camion, fino a raggiungere quasi le cinte murarie di alcuni casolari. I tre mezzi, andati completamente distrutti, appartenevano ad alcuni cittadini extracomunitari che sono domiciliati nelle vicinanze. Erano stati posteggiati all’ombra di una pineta, con tutti i seri rischi del caso, nella stagione secca e degli incendi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo e vento, il fuoco divora tutto: balle di paglia e tre veicoli in fumo

LeccePrima è in caricamento