menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cani legati e trascurati tra zecche e pulci. Denunciato un pensionato ad Ortelle

Intervento delle guardie zoofile, polizia locale e Asl dopo alcune segnalazioni. Gli animali trovati incatenati in un rifugio e in condizioni igieniche precarie. Trasferiti e curati in una struttura idonea

ORTELLE - Un nuovo caso di maltrattamento ai danni degli amici a quattro zampe, custoditi in maniera inidonea e in condizioni igieniche e sanitarie carenti, è stato appurato in seguito ad un intervento della guardie zoofile di Nardò nelle campagne di Ortelle. A seguito di numerose segnalazioni, infatti, il nucleo operativo della guardie zoofile, in collaborazione con gli agenti della polizia locale e del personale della Asl veterinaria, è intervenuto nell’ambito di un terreno di proprietà di un 72enne di Ortelle dove era allestito un rifugio per animali.

All’arrivo nella zona indicata e nel corso del sopralluogo è stata accertata la presenza di quattro meticci, tra cui un pastore tedesco, legati con una catena, senza alcun riparo e per lo più in precarie condizioni igieniche e sanitarie. Tutti i cani presentavano anche delle visibili lesioni ai padiglioni auricolari, nonché sono risultati infestati da zecche e pulci. Accertate tutte queste violazioni è stata interessata la procura che ha disposto il trasferimento degli animali in una struttura autorizzata dove i cani sono stati sottoposti ad adeguate cure mediche.

Per il proprietario è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria per le violazioni delle norme sulla tutela degli animali che nei casi più gravi puniscono chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, creando gravi sofferenze, con pene che prevedo l’ammenda da un minimo di mille e sino a diecimila euro e nel caso di accertato e grave maltrattamento anche con l’arresto.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tregua domenicale, 584 i casi positivi. Lopalco "sfiduciato" dalla Lega

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento