rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
La sentenza / Bagnolo del Salento

Raccolta rifiuti, il canone va revisionato: accolto il ricorso delle ditte

La vicenda ha riguardato i comuni di Cannole e Bagnolo del Salento che alla scadenza del contratto avevano prorogato il servizio con ordinanze urgenti senza modificare il prezzo: il Consiglio di Stato dà ragione ai ricorrenti

BAGNOLO DEL SALENTO/CANNOLE – Avevano prorogato il servizio di raccolta rifiuti senza modificare il prezzo sulla base di ordinanze contingibili e urgenti ma il Consiglio di Stato ha dato ragione alle ditte ricorrenti stabilendo che i comuni coinvolti devono revisionare il canone di raccolta rifiuti indipendentemente dal tipo di provvedimento amministrativo adottato. È questa la pronuncia della quarta sezione dei giudici di appello (presidente Carbone, estensore Carrano) sulla materia, con cui riformando due sentenze del Tar salentino si è stabilito la revisione del canone di servizio di raccolta rifiuti anche nel caso di ordinanze contingibili e urgenti, accogliendo così il ricorso di alcuni operatori locali che svolgono il servizio in provincia di Lecce.

La vicenda ha riguardato i Comuni di Cannole e Bagnolo del Salento, che alla scadenza del contratto di raccolta rifiuti avevano disposto la proroga del servizio con ordinanze contingibili in favore del gestore uscente. Quest’ultimo, terminato il servizio, aveva richiesto la revisione del canone per il periodo svolto in regime di ordinanza. Richiesta alla quale i Comuni si erano opposti sostenendo che lo strumento dell’ordinanza impedisse la modifica del prezzo. La tesi era stata condivisa dal Tar Lecce sul presupposto dell’assenza di un contratto e della natura autoritativa dell’ordinanza sindacale.

Di diverso avviso il Consiglio di Stato che, accogliendo gli appelli proposti dall’avvocato Luigi Quinto nell’interesse dei gestori, ha evidenziato come l’uso dei poteri di ordinanza non faccia venir meno il diritto alla revisione quando si pervenga, di fatto, ad una proroga del precedente contratto “in quanto ai fini dell’applicabilità della revisione prezzi in presenza di atti successivi al contratto che ne dispongono la prosecuzione, assume carattere dirimente la verifica circa l’unicità o meno del rapporto contrattuale”.

“Il Consiglio di Stato – ha dichiarato Quinto – ha fatto chiarezza su un tema che interessa la quasi totalità dei comuni della provincia di Lecce. Alla scadenza dei contratti di appalto ed in attesa della individuazione del gestore unico da parte delle ARO, i Comuni hanno infatti prorogato il servizio di raccolta con ordinanza sindacale, seguendo le indicazioni fornite dall’Anac e dalla stessa giurisprudenza amministrativa”.

Il legale spiega, come, a fronte della richiesta dei gestori di un aggiornamento del canone, i Comuni abbiano agito in ordine sparso, nella maggior parte dei casi negando il diritto al compenso revisionale: “Le sentenze del Consiglio di Stato – precisa - chiariscono che il canone deve essere aggiornato ogni volta in cui i provvedimenti abbiano comportato una proroga di fatto dei precedenti rapporti contrattuali”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta rifiuti, il canone va revisionato: accolto il ricorso delle ditte

LeccePrima è in caricamento