rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Caprarica di Lecce

Alimenta camino con benzina: scoppia rogo, mano ustionata e intossicato

E' successo a Caprarica di Lecce. Un 62enne in ospedale con bruciature e dopo aver inalato fumo. Abitazione annerita

CAPRARICA – Ha rischiato seriamente di morire nell’abitazione dove le fiamme, nel giro di pochi istanti, hanno provocato danni ingenti. Un vero e proprio azzardo, all’origine dell’incendio divampato nella tarda mattinata di oggi a Caprarica di Lecce, in cui a rimanere intossicato e ustionato alla mano destra è stato B.A.D., un 62enne del posto. Sì, perché l’uomo, intenzionato ad alimentare il camino, pare abbia usato della benzina. Generando così una forte fiammata che, attecchendo sui tendaggi e su altri oggetti infiammabili, in breve ha scatenato un inferno.

Il fatto è avvenuto in via Villa, in una vecchia abitazione nel pieno centro storico del paese. Il 62enne abita da solo e a chiamare i soccorsi sono stati altri residenti della zona, attirati dal fumo che ha iniziato a sprigionarsi copioso dall’abitazione, invadendo le strade. Sul posto si sono letteralmente fiondati vigili del fuoco, con una squadra inviata da Lecce, e ambulanza del 118. L’uomo ha subito ferite alla mano ed è rimasto intossicato perché si è attardato in casa, nel tentativo di spegnere il rogo. I vigili l’hanno trascinato verso l’esterno, consegnandolo ai sanitari, e hanno spento le fiamme.

I segni più visibili del rogo, in cucina e nel retrocucina, dove gli ambienti sono stati completamente anneriti dalla combustione. Ma anche nelle altre stanze, il fumo, facendosi strada, ha colpito pareti e mobilio. L’immobile, un appartamento al pian terreno, non dovrebbe avere problemi di staticità, ma gli ambienti sono, al momento, invivibili. Mentre l'uomo, al momento, si trova in ospedale. Sul posto, per accertamenti, anche i carabinieri della stazione di Calimera. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alimenta camino con benzina: scoppia rogo, mano ustionata e intossicato

LeccePrima è in caricamento