Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

I carabinieri ritornano in casa sua e spunta altra droga: scatta il secondo arresto in tre mesi

Disposti nuovamente i domiciliari per il 21enne leccese finito nei guai lo scorso marzo. Stavolta i militari della sezione operativa hanno rinvenuto 11 dosi già confezionate di cocaina e 100 grammi di hashish

LECCE - Finito ai domiciliari lo scorso 24 marzo, per detenzione ai fini di spaccio, i carabinieri della sezione operativa di Lecce non avevano smesso di tenergli gli occhi addosso. Così, ieri, sono piombati nuovamente nell’abitazione del sospettato, Simone Sinistro, 21enne leccese, ed è spuntata altra droga. 

Al termine della perquisizione sono state sequestrate quantità decisamente inferiori alla volta precedente (durante la quale furono trovate alcune buste di cocaina in una stampante, e il peso complessivo, tra coca e hashish fu di circa mezzo chilo, qui i dettagli), ma comunque sufficienti a determinare l’arresto. 

In particolare, nelle mani dei militari sono finiti: un involucro con all’interno tre dosi di cocaina, già confezionate con del cellophane trasparente e chiuse all’estremità con nastro isolante, per un peso complessivo di 1,66 grammi; un altro involucro con otto dosi, anche queste già confezionate con le stesse modalità, per un peso di 5,20 grammi; un panetto di hashish del peso di 100 grammi.

Informata la sostituta procuratrice di turno Patrizia Ciccarese, per il giovane sono stati disposti gli arresti domiciliari, e nelle prossime ore, difeso dall’avvocato di fiducia Pantaleo Cannoletta, sosterrà l’interrogatorio di convalida con il gip.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri ritornano in casa sua e spunta altra droga: scatta il secondo arresto in tre mesi
LeccePrima è in caricamento