Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Carella smentisce Masiello: "Non ero presente all'incontro in albergo"

Il conoscente del difensore del Bari ha offerto agli inquirenti indicazioni in parte diverse rispetto a quelle emerse nell'ordinanza. Nodi cruciali, un non precisato assegno e l'incontro nell'hotel leccese

BARI - Secondo le prime agenzie (fonte Ansa), l'interrogatorio di Gianni Carella ha riservato alcune sorprese rispetto alla "versione Masiello". Sull'incontro avvenuto nel ritiro del Bari alla vigilia del derby, Carella ha riferito che fu il difensore del Bari a chiedergli di persuadere i compagni - Bentivoglio, Parisi e Rossi - a perdere la partita sulla quale le due società, peraltro, si stavano accordando. Nella "messa in scena" Carella ha ammesso di aver sventolato sotto il naso dei calciatori biancorossi una mazzetta di 700 euro e di aver promesso, sempre su suggerimento di Masiello, che per coloro che avrebbero accettato ce ne sarebbero stati molti di più. Altro particolare non da poco emerso nel corso dell'interrogatorio rigaurda l'assegno che sarebbe stato esibito a Masiello a garanzia dell'impegno da parte leccese. Il titolo di credito non è mai esistito, avrebbe dichiarato in queste ore Carella.

Altra circostanza sulla quale indicative sembrano le dichiarazioni di Carella, è quella che riguarda l'incontro a Lecce col presunto emissario vicino alla società giallorossa. Masiello, infatti, giunto nel capoluogo salentino con Carella e Giacobbe, avrebbe lasciato i due prima dell'incontro nell'hotel leccese e successivamente si sarebbe limitato a dire loro che era andato tutto a buon fine. 

Eventuali aggiornamenti nelle prossime ore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carella smentisce Masiello: "Non ero presente all'incontro in albergo"

LeccePrima è in caricamento