rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca Carmiano

Morì dopo essere stato dimesso, assolta dottoressa che lo visitò

Il caso verteva sul decesso Giancarlo Colella, imprenditore di Carmiano, avvenuta nel 2016 a Forlì. La seconda volta giunse in ospedale ormai in coma. La causa: un’infezione polmonare da pneumococco

FORLÌ- Una dottoressa di 43 anni, all’epoca dei fatti in servizio presso il pronto soccorso dell’ospedale di Forlì, è stata assolta dal giudice Marco de Leva del tribunale romagnolo per il caso che verteva sulla morte di Giancarlo Colella, un imprenditore originario di Carmiano. La notizia è stata riportata da ForlìToday.

Colella morì a 52 anni, nel febbraio del 2016, a causa un’infezione polmonare da pneumococco. La dottoressa rispondeva di omicidio colposo ed è stata l’unica a finire sotto processo per la vicenda. Inizialmente, infatti, erano stati iscritti nel registro degli indagati i nomi di dieci sanitari.  

In piena attività fino a pochi giorni prima del decesso, Colella era stato colto da un malessere improvviso con febbre. Portato dai parenti al pronto soccorso, secondo le carte del fascicolo, sarebbe stato rimandato a casa con cure generiche: riguardarsi, mangiare in bianco, assumere un antidolorifico. Colella, però, ritornò ben presto al pronto soccorso, ma ormai in coma per poi spirare.

Il pubblico ministero Massimo Maggiori aveva chiesto una condanna a un anno e quattro mesi. Sia per la pubblica accusa, sia per famiglia - moglie e due figli, rappresentati dagli avvocati Andrea Romagnoli, Gianluca Betti e Massimo Pifani -, infatti, Colella si sarebbe potuto salvare con antibiotici e un ricovero per osservare il decorso della malattia. Di diverso avviso è stato il giudice, che ha assolto la dottoressa (difesa dall’avvocato Max Starni di Forlì). Non è da escludere che la sentenza possa essere appellata. Prima, ovviamente, si dovranno attendere le motivazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì dopo essere stato dimesso, assolta dottoressa che lo visitò

LeccePrima è in caricamento