Fiamme prima dell’alba, quarta auto incendiata in cinque giorni

Questa volta è successo nella marina di Casalabate,ma la causa scatenante del rogo per il momento non è stata chiarita. Sul posto, attorno alle 5,30 del mattino, una squadra di vigili del fuoco da Lecce e i carabinieri di Trepuzzi

CASALABATE – Quarto incendio di un’auto in cinque giorni. Dopo un periodo di relativa calma, fatto salvo comunque qualche sporadico episodio avvenuto persino nel momento clou dell’emergenza pandemica, sembra tornato in auge il “fenomeno” dei veicoli in fiamme fra la notte e le prime ore del giorno. Momenti in cui, in questo periodo, molto difficilmente si può trovare qualcuno in giro per un motivo certificabile.

Questa volta è accaduto nella marina di Casalabate, ma, per il momento, non vi sono certezze sull’origine delle fiamme che hanno avvolto completamente una Fiat Punto, fino a lasciarne solo un vago ricordo della forma originaria. Interni ed esterni, non è rimasto praticamente nulla dell’autovettura. La sala operativa dei vigili del fuoco è stata avvisata attorno alle 5,30 del mattino e, sul posto, ha inviato una squadra da Lecce.

IMG_6752-2

La Punto era ormai già in stato avanzato di combustione, al loro arrivo. I vigili del fuoco non hanno potuto fare altro che spegnere le fiamme. Semmai vi sia stato un innesco, all’origine, non è stato trovato, giacché non si può stabilire con facilità la causa scatenante e non si può quindi indicare se dietro vi sia stato un atto o meno doloso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vettura si trovava nel giardino di un villino al momento disabitato. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Trepuzzi. Il proprietario del veicolo e dell'abitazione, un uomo della zona, incensurato e al momento senza occupazione, ha affermato di non aver mai ricevuto minacce o richieste estorsive. Restano, dunque, il mistero e un bilancio, quello delle vetture bruciate, che sta tornando in maniera preoccupante ai livelli dei periodi ordinari. Solo ieri, si è verificato un caso a Ugento.  Nei giorni precedenti, a Gallipoli e a Squinzano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento