Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Uggiano La Chiesa

Case, auto, terreni e aziende, scatta la confisca da oltre un milione di euro

E' il patrimonio, secondo la Dia, riconducibile a Carmine Monteforte, 55enne di Uggiano La Chiesa, con condanne per quasi 25 anni

LECCE – Ville, appartamenti, auto e conti correnti. E’ un piccolo impero finanziario e immobiliare, del valore di oltre un milione di euro, quello che la Direzione investigativa antimafia ha confiscato a Carmine Monteforte, 55enne di Uggiano La Chiesa. Figura di notevole spessore criminale, il 55enne è stato più volte condannato per emissione di assegni a vuoto, truffa in concorso, estorsione, bancarotta fraudolenta, detenzione, acquisto di stupefacenti, e costituzione, direzione o finanziamento di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Reati per cui è stato condannato complessivamente a quasi 25 anni di reclusione, così come stabilito con un provvedimento di cumulo del procuratore generale della Repubblica di Lecce.

Il provvedimento di confisca, che segue quello di sequestro anticipato, è stato emesso dalla seconda sezione penale del Tribunale di Lecce a seguito della proposta dCarmine Monteforte-2i misura patrimoniale avanzata Direzione investigativa antimafia di Lecce a conclusione di articolate e complesse indagini patrimoniali delegate dalla locale Direzione distrettuale antimafia. Il sequestro nasce dal fatto che gli approfondimenti economico-patrimoniali svolti dalla sezione operativa della Dia di Lecce, nei confronti dell’uomo e del suo nucleo familiare, avrebbero evidenziato, in un arco temporale dal 1994 al 2013, una netta sproporzione tra i redditi dichiarati e il patrimonio a lui riconducibile, sebbene intestato ai due figli, a due società immobiliari e ad altre attività economiche.

Monteforte è stato arrestato nel 2014 nell’ambito dell’operazione denominata “Froth” con la quale è stata smantellata un’articolata organizzazione criminale operante nel territorio salentino finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Inizialmente irrintracciabile fra i ventinove indagati, si consegnò poi spontaneamente in caserma la sera del 4 marzo, presentandosi con il suo legale. Lo stesso, dopo essere stato arrestato e aver ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari, è finito nuovamente in carcere per evasione.

I beni cobar day loungenfiscati ammontano a un valore stimato in oltre un milione e 200mila euro e sono, in particolare, 12 immobili (di cui tre appartamenti, tre depositi, una villa, un garage, un fabbricato in muratura a secco e due terreni), quattro aziende (tre interi compendi aziendali e un’attività di bar: il Daky a Uggiano), un veicolo aziendale, dall’intero capitale di una società, e un conto corrente aziendale. Il Tribunale di Lecce, con lo stesso provvedimento, ha disposto anche la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale per la durata di tre anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case, auto, terreni e aziende, scatta la confisca da oltre un milione di euro

LeccePrima è in caricamento